pasta con le sarde
Stampa ricetta
5 da 3 voti

Pasta con le sarde

Per preparare questo piatto è fondamentale poter reperire gli ingredienti freschi, alcuni dei quali non sono sostituibili con nessun altro.
Preparazione30 min
Cottura55 min
Tempo totale1 h 25 min
Portata: Primo piatto
Cucina: Tradizionale Siciliana
Keyword: pasta chi sardi, pasta con le sarde
Difficoltà: media
Porzioni: 6
Calorie: 530kcal
Chef: Biagio Barraco

Ingredienti

Istruzioni

  • Ammolla l’uvetta e i pinoli nell’acqua, quindi occupati delle sarde togliendo loro la testa, le interiora, le lische e la coda. Aprile a libro è sciacquale accuratamente in acqua corrente.
    Se non sei abile con la pulizia dei pesci puoi richiedere al tuo pescivendolo di fiducia le sarde già deliscate.
  • Pulisci i finocchietti, tagliando ed eliminando le parti più dure. Ricorda che vanno utilizzate solamente le parti più tenere e verdi, i germogli, i rametti più giovani e le foglie piumose.
  • Lessa i finocchietti per una ventina di minuti in 4 litri di acqua salata. Per non farli annerire, metti solo un po’ di sale nell’acqua prima che vada in ebollizione e poi, quando metti i finocchietti nell’acqua bollente, aggiungi l’altro sale.
  • Scola per bene i finocchietti, tagliali finemente e mettili da parte. Conserva l’acqua di cottura perché ti servirà per lessare la pasta.
    Trita la cipolla e lasciala stufare con un po' d'acqua in una larga padella.
  • Quando l'acqua è completamente evaporata aggiungi l'olio e lascia imbiondire la cipolla.
  • Quindi aggiungi i filetti di acciuga spezzettati e lascia che si sciolgano nel soffritto.
  • Aggiungi l’uvetta scolata e ben strizzata e i pinoli. Fai insaporire per un minuto mescolando rapidamente.
    Adesso è il momento delle sarde fresche. Aggiungine solo una parte al soffritto, le più integre tienile da parte per la guarnitura del timballo. Rimesta delicatamente per evitare che si spappolino e falle dorare da entrambi i lati.
  • Aggiungi il finocchietto, lo zafferano sciolto in un po’ di acqua di cottura del finocchietto e un po’ di pepe. Cuoci il condimento per altri due minuti a fuoco basso, mescolando molto delicatamente.
  • Lessa la pasta nell’acqua di cottura dei finocchietti fino a 1/3 del tempo necessario. Se la pasta vuole ad esempio 6 minuti cuocila per 4 minuti.
  • Prepara una teglia tonda e bassa con un filo di olio da spargere uniformemente sulle sue superfici. Cospargi la teglia con del pangrattato macinato finemente.
  • Maneggia la pasta insieme ad una parte del condimento, quindi sistemala dentro la teglia.
  • Copri lo strato di pasta con uno bello abbondante di condimento.
  • Infine copri la superficie con le sarde crude tenute da parte, spolvera ancora con pangrattato e inumidisci la superficie con un filo d’olio.
  • Passa in forno preriscaldato a 180°C per 15 - 20 minuti, ovvero fino a quando la superficie non risulta ben dorata. Servi dopo aver fatto riposare il timballo 15 minuti. 

Note

  • Il finocchietto selvatico si può raccogliere in campagna dalla primavera all’autunno e cioè nello stesso periodo in cui è possibile trovare nei mercati le sarde freschissime che non possono essere sostituite con le sardine sottolio. I puristi come me reputano il finocchietto uno degli ingredienti indispensabili, ma se proprio non riesci a trovarlo puoi sostituirlo con l’aneto.
  • Attenzione all’uvetta, ovvero la passolina, questa non può assolutamente sostituirsi con l’uvetta sultanina, ma deve essere rigorosamente uvetta di Corinto: assomiglia ad un grano di pepe nero, il suo sapore è dolciastro e lievemente acidulo. In prevalenza viene coltivata in Sicilia e in Grecia.

Nutrition

Calorie: 530kcal