Carne Bovina Carni

La vera bistecca panata alla palermitana

Spesso scambiata per una sorta di cotoletta light (non fritta), la bistecca panata alla palermitana è in realtà un particolare arrosto di carne che non ha nulla che vedere con la cotoletta. Si tratta di una ricetta antica per un secondo di carne, che insieme agli involtini, rappresenta un piatto della cucina palermitana unico nel suo genere, non è semplicemente “una cotoletta impanata e cotta alla griglia anziché fritta”.

Pasticceria e Dessert Torte e Biscotti

Cassata al forno

A Palermo non c’è festa che non si celebri anche sotto il profilo gastronomico, a Pasqua, ad esempio, nessun palermitano rinuncerebbe alla cassata. Infatti, sebbene a Natale i palermitani, come in tutto il resto della penisola, si siano convertiti al pandoro veronese e al panettone milanese, nessuna colomba è ancora riuscita a sostituire la “regina della pasticceria siciliana”.

Antipasti e spuntini

Frittola palermitana, la ricetta casalinga.

La frittola, o frittula, come si dice in palermitano, è una preparazione gastronomica tipica, come il panino con la milza o lo sfincionello, una delle specialità dello street food palermitano, ma meno conosciuta. Un piatto povero di antica tradizione che si prepara con gli scarti di macellazione e lavorazione della carne bovina.

Carne Bovina Carni

Iudisco agglassato nella Slow Cooker

Quella dell’agglassato è una modalità di cottura dove la carne, brasata in un fondo di cipolle, viene alla fine «lucidata» con la glassa di cipolle che si ottiene. Si tratta di una preparazione tipica della cucina palermitana. Lo iudisco agglassato, come gli altri brasati simili a questi, si preparava per il pranzo domenicale. La “glassa” che rimaneva serviva per altre preparazioni durante la settimana, ad esempio per condirci gli spaghetti.

Paste e pasticcini Pasticceria e Dessert

Sfinci di San Giuseppe palermitane, la ricetta originale!

Le sfinci di San Giuseppe sono delle morbide frittella dalla forma irregolare e ripiene di crema di ricotta. Si tratta di un dolce tipico palermitano che una volta si consumava solamente in occasione della prima festività primaverile, cioè il 19 marzo per la festa di San Giuseppe e la festa del papà. Oggi, nelle pasticcerie del palermitano, è un dolce disponibile tutti i giorni dell’anno.