Street Food: un viaggio goloso alla scoperta cibo di strada.

In base alla definizione della FAO con cibo di strada, in inglese street food, si intendono gli alimenti e le bevande pronti per il consumo, preparati e/o venduti per strada da commercianti ambulanti su banchetti provvisori, furgoni (food truck) o carretti.

Il cibo di strada, o street food, non è solo un modo economico e veloce per mangiare, ma un’esperienza culturale a 360 gradi che ci permette di immergerci nelle tradizioni e nei sapori autentici di un luogo. Le sue origini si perdono nella notte dei tempi, basti pensare che già nell’antica Grecia e Roma gli ambulanti vendevano cibo per strada. Nel Medioevo, il cibo di strada era diffuso in Europa, Medio Oriente e Asia, e ancora oggi rappresenta una parte importante della vita quotidiana in molte culture del mondo.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

Foto testata di N C su Unsplash

Le origini del cibo di strada.

Il fenomeno dello street food nasce e diventa di moda negli Stati Uniti solo di recente, ma mangiare cibo per strada per i popoli del Mediterraneo non è cosa nuova. Già più di 3000 anni fa gli ambulanti ateniesi preparavano pesce fritto e minestre di fave o di ceci da vendere ai passanti.

L’abitudine di mangiare passeggiando si diffuse in poco tempo in altri paesi, dall’Egitto all’antica Roma. Il nostro paese, territorio della Magna Grecia prima e dominio di Roma poi, accolse questo stile alimentare molto tempo prima che gli americani si interessassero allo street food. Anche in tutto il Medio Oriente, in Cina e un po’ in tutto il mondo mangiare per strada era ed è un’abitudine molto diffusa.

Non confondere lo street food con il junk food.

È importante sottolineare che non tutto il cibo di strada è uguale. Bisogna infatti distinguere tra lo street food autentico, preparato con ingredienti freschi e di alta qualità, e il “cibo spazzatura” (junk food), ricco di grassi, zuccheri e calorie, causa di obesità, diabete e malattie cardiovascolari.

Il vero street food rappresenta un’occasione per gustare piatti tipici preparati con ingredienti locali e di stagione, spesso a prezzi accessibili.

L’Italia, un paradiso per gli amanti dello street food.

L’Italia vanta una tradizione di street food ricca e varia, che affonda le sue radici nella storia millenaria del paese. Da Nord a Sud, ogni regione ha le sue specialità culinarie, che si distinguono per i sapori unici e gli ingredienti tipici.

In Italia lo street food è divenuto veicolo per la rivalorizzazione e il recupero di cibi finiti nel dimenticatoio. Lo street food è anche un modo semplice per conoscere un territorio e i suoi prodotti tipici, non è un caso che associazioni come Slow Food, Lonely Planet e Gambero Rosso lo sostengano.

I migliori cibi di strada italiani.

I gofri sono famosi in Piemonte dove li trovi nei bar e nei baracchini ambulanti. Si tratta di una cialda croccante che ricorda i Waffles tradizionalmente farcita con prosciutto e formaggio. La costa Adriatica è invece famosa per i suoi chioschi di piadina romagnola, una sfoglia sottile di forma circolare composta da farina e acqua e farcita a piacere.

Originari della provincia di Ascoli Piceno, le olive all’ascolana sono diffuse in tutto il territorio marchigiano e apprezzate in tutta la penisola italiana come sfizioso antipasto.

In Abruzzo, terra fortemente legata alla pastorizia, vanno per la maggiore gli arrosticini, degli spiedini di agnello castrato, pecora o montone, cotti alla brace.

A Firenze ad attirare l’attenzione è il panino con il lampredotto, un piatto povero rivalutato, costituito da un panino tipo rosetta farcito con l’abomaso di bovino bollito e condito con olio ed erbe aromatiche.

Roma e i suoi dintorni sono famosi per il caratteristico panino con la porchetta venduto nei furgoncini in strada. Napoli non è solo la patria della pizza (fritta e non), il più conosciuto degli street food italiani, ma di un’infinità di sfiziosità che vanno a comporre il cosiddetto cuoppo di fritture: panzerotti, mozzarella in carrozza, frittatine di pasta e frittura di pesce. I fritti vanno forte anche in Puglia dove ai panzerotti, piccoli calzoni fritti a forma di mezzaluna variamente farciti, si affiancano tanti altri cibi da passeggio tra cui la più recente invenzione delle bombette, degli involtini di carne di maiale e caciocavallo.

Concludiamo questa carrellata di sfiziosità italiane, con la città dove ogni anno in dicembre si celebra lo Street Food Fest, cioè Palermo. Qui che si trovano i cibi di strada più antichi d’Italia, tra questi: il Pani ca’ Meusa scopri di cosa si tratta e tutte le altre specialità nel post dedicato alla città italiana dove il cibo di strada è religione!

Oltre l’Italia: un tour gastronomico around the world.

Lo street food non è solo una prerogativa italiana. In ogni angolo del globo, infatti, si possono trovare specialità culinarie da gustare per strada. Ecco alcuni esempi:

  • America Latina: il burrito (una tortilla di farina di mais ripiena di carne, riso, fagioli e verdure) in Messico, le empanadas (fagottini di pasta ripieni di carne o verdure) in Argentina e le arepas (panini di farina di mais) in Venezuela.
  • Asia: i baozi (panini al vapore ripieni di carne, verdure o pesce) in Cina, i gyoza (ravioli giapponesi) in Giappone, i pad thai (noodles di riso saltati in padella con verdure e carne) in Thailandia e i banh mi (panini vietnamiti ripieni di carne, verdure e salse) in Vietnam.
  • Europa e Medio Oriente: i falafel (polpette di ceci o fave fritte), il fish and chips (pesce fritto con patatine) in Gran Bretagna e le crêpes in Francia.
Foto di Roman Arkhipov su Unsplash

Conclusione.

Sia che ti trovi in viaggio o nella tua città, il cibo di strada è un’occasione per assaporare la cultura locale e fare nuove esperienze. Non avere paura di provare nuovi sapori e lasciati conquistare dalla varietà e dalla ricchezza del cibo di strada.

Oltre a essere un’esperienza culinaria unica, lo street food è anche un modo per:

  • Sostenere l’economia locale: acquistando cibo da venditori ambulanti, aiuti a supportare le piccole imprese e l’economia locale.
  • Ridurre l’impatto ambientale: il cibo di strada spesso viene preparato con ingredienti freschi e di stagione, che hanno un minor impatto ambientale rispetto ai prodotti industriali.
  • Socializzare e divertirsi: mangiare per strada è un modo divertente per socializzare e conoscere nuove persone.

Quindi, la prossima volta che hai fame, non fermarti al primo fast food che trovi, esplora e lasciati conquistare dal fascino del cibo di strada!

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto