Gli spaghetti di soia con cavolo viola sono un primo piatto in stile orientale facile e veloce da preparare. Si tratta di una pietanza, benché molto saporita, assolutamente leggera.

spaghetti di soia con cavolo viola

Gli spaghetti di soia riescono a dare il meglio combinati con verdure di ogni tipo, quindi sono perfetti per cucinare delle pietanze Vegan OK, come in questo caso. Qualsiasi tipo di verdura può essere usata, l’importante che sia fresca e di stagione. In questa preparazione il cavolo viola in particolare conferisce un sapore spiccato e caratteristico ad un piatto adatto alla stagione autunnale.

Ovviamente, oltre che come primo piatto, gli spaghetti di soia con cavolo viola possono essere utilizzati come contorno per accompagnare un secondo piatto di cucina orientale, in combinazione con il quale diviene un piatto unico completo. In questo caso bisogna dimezzare le quantità di servizio.

Non solo spaghetti di soia.

Per preparare questa strepitosa ricetta puoi adoperare anche altri tipi di noodles, da quelli preparati con farina di frumento (面, miàn), a quelli fatti con farina di riso (粉, fěn). Quelli che ho adoperato in questa ricetta sono i classici spaghetti di soia trasparenti chiamati Fěn sī – 粉絲, conosciuti anche come spaghetti di vetro. Nel paese d’origine sono utilizzati sia in piatti caldi, come l’hot pot (una specie di fonduta), che in piatti freddi.

Gli spaghetti di soia sono tra l’altro impiegati per il Mǎyǐshàngshù ( 蚂蚁上树 ), un piatto tipico del Sichuan il cui nome è letteralmente tradotto in “formiche che salgono su un albero”. Questo nome è dovuto al fatto che il piatto ha dei pezzetti di carne di maiale macinata letteralmente “aggrappati” ai noodles, che evocano appunto l’immagine di formiche che camminano su rami di un albero.

Avvertenza per cuocere gli spaghetti di soia con cavolo viola.

Cucinare gli spaghetti di soia è abbastanza semplice, tuttavia si può cadere nell’errore di lessarli come faremmo per la cottura della pasta nostrana. Per non sbagliare cuoci gli spaghetti di soia attenendoti alle istruzioni della confezione e segui le indicazioni della mia ricetta!

Capellini di soia con cavolo viola

Biagio Barraco
Un primo piatto in stile orientale facile e veloce da preparare. Si tratta di una pietanza, benché molto saporita, assolutamente leggera.

Gluten Free – Ricetta etnica – Vegan ok
5 da 3 voti
Preparazione 15 minuti
Cottura 15 minuti
PREPARAZIONE Facile
STAGIONE MIGLIORE autunno, inverno
Ingredienti per4 persone

Ingredienti

Strumenti necessari

Istruzioni

  • Monda, lava le verdure, quindi taglia a bastoncini sottili le carote. Affetta il porro e il sedano in diagonale. Affetta molto sottilmente la cipolla e mettila insieme alle altre verdure. Separatamente metti lo zenzero tagliato a fettine e il cavolo cappuccio ridotto a striscioline sottili. Prepara un brodo vegetale con gli scarti delle verdure che hai preparato, cioè con le parti meno tenere di esse.
  • Scalda l'olio nel wok a fuoco vivace e aggiungi le verdure eccetto lo zenzero e il cavolo viola. Salta le verdure per tre minuti. Quindi aggiungi il cavolo e lo zenzero, la polvere di cinque spezie e lascia cuocere a fiamma vivace per altri tre minuti.
  • Abbassa la fiamma, aggiungi qualche cucchiaio di brodo vegetale e lascia cuocere per altri 5 minuti.
    Intanto prepara gli spaghetti di soia immergendoli nel brodo vegetale portato ad ebollizione (segui le istruzioni della confezione). A fiamma spenta lascia reidratare gli spaghetti per un due -tre minuti col brodo.
  • Aggiungi gli spaghetti di soia alle verdure, condisci con la salsa di soia e salta il tutto a fuoco vivace per qualche istante. 
  • Sciogli l'amido in mezzo bicchiere d'acqua, versa nel wok e lascia addensare il fondo di cottura, quindi servi gli spaghetti ancora fumanti.
Allergeni presenti
Arachidi
Soia

Valori Nutrizionali

Calorie: 315kcal
Keyword noodles
Ti è piaciuta questa ricetta?Dai un voto e scrivi nei commenti cosa ne pensi!

Biagio Barraco

Arredatore e blogger con la passione per la cucina.

Potrebbe piacerti anche ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.