Spaghetti con la ‘nduja

Un primo piatto tanto facile da preparare quanto buonissimo da gustare, ma sempre in buona compagnia.

1
111

Tempo di lettura stimato: 2 minuti circa

Gli spaghetti con la ‘nduja sono un classico della cucina calabrese. Facili da preparare, pare abbiano proprietà afrodisiache e antistress, dii sicuro è questo un piatto gustosissimo che produce endorfine.

In questo primo piatto della tradizione calabrese, molto saporito e piccante, è protagonista la ‘nduja, un particolare insaccato morbido, spalmabile, dal sapore forte e deciso, ma al tempo stesso carezzevole, con cui si possono condire tantissime preparazioni culinarie, spaghetti compresi.

‘Nduja, di cosa si tratta?

La ‘nduja è un insaccato morbido che ricorda un po’ l’andouille francese. Si tratta di una specialità prodotta con le parti grasse del maiale e una buona quantità di peperoncino calabrese. Si produce principalmente a Spilinga, un piccolo borgo in provincia di Vibo Valentia dove l’8 agosto di ogni anno si celebra la famosa sagra della ‘nduja.

Per la preparazione dell’insaccato, quasi sempre artigianale e di produzione familiare, si usa generalmente peperoncino coltivato nelle campagne della zona ed essiccato al sole durante l’estate.

La ‘nduja viene insaccata a mano in budello naturale, la carne viene tritata e amalgamata con il sale e il peperoncino piccante, le cui proprietà antisettiche garantiscono al prodotto una lunga conservazione, senza alcun bisogno di aggiungere sostanze artificiali (non contiene caseinati).

Il salume è sottoposto a una leggera affumicatura con legno di ulivo, quercia o faggio e in seguito stagionato per un periodo che va da un minimo di 3 a un massimo di 6 mesi

In Calabria le famiglie contadine allevano i maiali alimentandoli con ghiande, fichi secchi, fave e altri alimenti ritenuti dall’esperienza contadina essenziali per assicurare un sapore squisito alla carne suina e quindi a soppressate, capicolli, e soprattutto alla ‘nduja che nei mesi invernali si preparano contestualmente alla macellazione dei maiali.

Impiego della ‘nduja.

Nata come prodotto povero realizzato con gli scarti della macellazione del maiale, la ‘nduja è oggi una prelibatezza molto apprezzata anche nella cucina di prestigio. Viene messa in commercio come insaccato classico, oppure, lavorata con olio viene trasformata in crema spalmabile e conservata in vasetti.

Questo gustoso insaccato è caratterizzato dal particolare profumo di peperoncino e dal colore rosso acceso. Il suo sapore, dapprima dolcissimo, esplode successivamente con tutta la forza del piccante.

La ‘nduja è ottima da consumare sia d’inverno che d’estate, si usa spalmata sul pane bruscato, nei sughi per la pasta, con i fagioli, i ceci, e le lenticchie, ma è anche eccellente per condire la pasta.

Gli spaghetti con la ‘nduja.

Per preparare un’eccellente salsa con la ‘nduja questa va sciolta nel condimento a calore dolce. Mai cuocerla nel soffritto come faresti per la pancetta o per il guanciale, la rovineresti e il sapore non è lo stesso.

Gli spaghetti spessi e trafilati al bronzo sono quelli che si prestano particolarmente bene a raccogliere tutto il sapore della salsa fatta con questo insaccato. La salsa deve essere abbondante e per legarla meglio alla pasta ti consiglio di mantenere gli spaghetti leggermente al dente per proseguirne la cottura in padella insieme alla salsa con la ‘nduja.

Un ultimo consiglio, per conservare al meglio la ‘nduja che ti avanza, puoi metterla in un vasetto di vetro e coprirla con olio extravergine di oliva, si conserverà a lungo.

Spaghetti con la ‘nduja

Biagio Barraco
Un primo piatto tanto facile da preparare quanto buonissimo da gustare, ma sempre in buona compagnia.
5 da 2 voti

Vota anche tu questa ricetta!

Preparazione 15 min
Cottura 25 min
Tempo totale 40 min
Allergeni
Spesa € 10,00
Difficoltà
Portata
Primo piatto
Cucina
Calabrese
metodi di cottura
lessare
stufare
Porzioni 4 persone
Calorie 513 kcal
stagionalità

Ingredienti

Istruzioni

  • Metti sul fuoco una pentola piena d’acqua per la cottura degli spaghetti. Intanto tritate finemente una cipolla (bagna la lama del coltello con acqua per evitare i pianti mentre affetti la cipolla!).
    Taglia prima delle fette per la lunghezza e poi tritale tagliandole trasversalmente.
  • Lava i pomodorini in abbondante acqua, quindi tagliali in quattro con un coltello a lama seghettata.
  • Liberate la 'nduja dal budello e tagliatela a pezzi grossi.
  • Fai rosolare in padella la cipolla tritata e lo spicchio d'aglio intero in olio extravergine d’oliva. Attendi che la cipolla appassisca.
  • Aggiungi i pomodorini freschi e quelli pelati in scatola, metti un po' di sale e mescola bene.
  • Unisci al sugo di pomodoro la ‘nduja e lascia che si sciolga nella salsa a fuoco basso, mescolando di tanto in tanto.
    Copri il sugo con un coperchio e lasciate che il pomodoro si amalgami bene con la ‘nduja.
    Quando l’acqua bolle, aggiungi il sale e cala la pasta. Scola la pasta al dente e aggiungila in padella con un po' della sua acqua di cottura. Mescola per terminare la cottura per altri 2 minuti.
  • Impiatta gli spaghetti e servili con una spolverata di pecorino grattugiato.

Valori Nutrizionali

Serving: 120gCalorie: 513kcal (26%)Carboidrati: 59g (20%)Proteine: 16g (32%)Grassi Totali: 23g (35%)Grassi saturi: 7g (35%)Grassi monoinsaturi: 4gSodio: 45mg (2%)Potassio: 35mg (1%)Fibra: 3g (12%)Zucchero: 8g (9%)
Keyword ‘nduja, spaghetti
Ti è piaciuta questa ricetta?Dai un voto e scrivi nei commenti cosa ne pensi!

A proposito di pasta …

… sei sicuro che la stai cucinando nel modo giusto?

La pastasciutta, alimento fondamentale della dieta mediterranea, è un piatto facile da preparare: metti l'acqua nella pentola, aggiungi il sale ed appena bolle, butti la pasta. Sarà davvero così facile?

Per la tua dieta gluten free

… questa ricetta può essere modificata facilmente

Puoi sostituire la normale pasta di grano duro con quella specifica senza glutine, oppure preparare tu una pasta fresca senza glutine seguendo le mie indicazioni.

Tutte le ricette di pastasciutta

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.