Sfinci di San Giuseppe palermitane, la ricetta originale!

La ricetta autentica di un dolce prestigioso della pasticceria palermitana.

2
533

Tempo di lettura: circa 1 min.


Le sfinci di San Giuseppe sono delle morbide frittella dalla forma irregolare e ripiene di crema di ricotta. Si tratta di un dolce tipico palermitano che una volta si consumava solamente in occasione della prima festività primaverile, cioè il 19 marzo per la festa di San Giuseppe e la festa del papà. Oggi, nelle pasticcerie del palermitano, è un dolce disponibile tutti i giorni dell’anno.

Un po’ di storia delle Sfinci di San Giuseppe.

Il nome sfincia deriva dall’arabo isfanǧ ﺍﺴﻔﻨﺞ‎ (in dialetto palermitano ‘i sfinci). Nome che significa “spugna” e che evoca la particolare forma e consistenza di questo dolce. In Sicilia di sfinci ne esistono di tante versioni, le più basiche sono quelle della provincia trapanese, che sono realizzate con patate e il lievito di birra, ingredienti questi non contemplati nella ricetta palermitana.

Sfinci di San Giuseppe

Come molti prodotti gastronomici dell’isola, l’origine delle sfinci è antichissima e proviene dal mondo mediorientale. Pare, infatti, che si tratti dell’evoluzione di alcuni particolari pani o dolci arabi fritti nell’olio. I Sfinci di San Giuseppe palermitane sono la trasformazione della semplice frittella in dolce prelibato e raffinato. La trasformazione si deve all’opera dalle suore del monastero palermitano delle Stimmate che hanno tramandato ai pasticcieri della città la ricetta del dolce, e che questi hanno dedicato a San Giuseppe.

Oggi questo apprezzatissimo dolce è inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T.)

Sfincia di San Giuseppe Ricetta originale

di Biagio Barraco
5 da 6 voti
Quando si tratta di pasticceria certamente quella palermitana è tra le migliori.
Preparazione: 1 ora
Cottura: 1 ora
Raffreddamento: 3 ore
Tempo totale: 5 ore
Difficoltà

€ 15,00
Dolce
sfinci di san giuseppe
Allergeni:
Frutta a guscio e derivati
Glutine
Uova e derivati


Porzioni: 18 pezzi
Calorie per porzione 385 kcal

Ingredienti

Istruzioni

  • Metti l’acqua in una pentola, quindi aggiungi il sale e lo strutto. Porta a ebollizione e appena lo strutto è ben sciolto. Sempre sul fuoco, incorpora per bene la farina versandola tutta e mescolando con un cucchiaio di continuo.
    Versa il composto nella planetaria e fai girare alla velocità minima per 5 minuti cioè finché il composto non si sarà intiepidito. Aggiungi le uova incorporandole al composto una alla volta. Aaggiunto il primo lascia che si incorpori prima di versare il successivo, in questa fase puoi aumentare la velocità.
  • Quando l’impasto sarà ben omogeneo fai sciogliere lo strutto in un tegame profondo fino a raggiungere una temperatura di 160°C
    Raccogli con le mani un po’ di impasto formando una pallina che va fatta scivolare nello strutto. Con l’aiuto di una palettina di legno gira le sfinci in continuazione per agevolarne lo sviluppo. Le sfinci devono gonfiarsi lentamente, ci vorranno almeno 7 – 8 minuti.
    Friggi poche sfinci alla volta perché gonfiandosi occuperanno più spazio nel tegame. Quando saranno ben gonfie aumenta la temperatura a 180°C e cuocile, girandole in continuazione, per altri 3 minuti fino a quando saranno dorate in modo uniforme.
  • Abbassa la temperatura e continua la cottura delle sfinci per altri 3 minuti, girandole sempre di continuo, quindi scolale e lasciale a raffreddare. Procedi così fino ad esaurimento dell’impasto.
    Una volta che si sono ben raffreddate le sfinci possono essere farcite con la crema di ricotta. Aprile in due e con un cucchiaio riempile ad una ad una. Completa spalmando un po’ di ricotta anche sulla faccia superiore della sfincia.
    Spolvera le sfinci con lo zucchero a velo e guarnisci con frutta candita e graniglia di pistacchi,

Valori Nutrizionali

Calorie: 385kcal (19%)

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.