Ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno

Nei miei piatti cerco sempre di valorizzare gli ingredienti disponibili nel territorio dove vivo, i ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno sono l’ennesimo esempio. Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo […]

Ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno

Nei miei piatti cerco sempre di valorizzare gli ingredienti disponibili nel territorio dove vivo, i ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno sono l’ennesimo esempio.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

Pasta siciliana, pistacchi siciliani e bottarga di tonno rosso siciliano, ma anche pomodori di Pachino secchi e Olio d’oliva del Belice, per un primo piatto straordinariamente buono. I ruvidelli sono un particolare formato di pasta che io adoro. Simile alle spaccatelle è una pasta trafilata in bronzo prodotta da un pastificio siciliano (Poiatti) che adopera solo grano duro siciliano di qualità. L’ideale per il condimento saporito che ti propongo in questa ricetta, realizzato con prodotti agricoli e alimentari che rappresentano la storia e la cultura della gente di Sicilia.

Ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno

Pistacchio siciliano.

Il pistacchio è uno degli ingredienti fondamentali per i ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno un ingrediente molto rappresentativo dell’agricoltura siciliana.

Nel Medio Oriente, l’albero di pistacchio (Pistacia vera – L.) veniva coltivato già in età preistorica. Scrittori greci e romani tra il III e il V secolo parlano della sua coltivazione in Siria, Persia e India. In Sicilia la pianta venne introdotta dagli Arabi. Questa essendo molto resistente alla siccità, si adattò rapidamente ai terreni rocciosi e calcarei del territorio isolano, perfino alle lave vulcaniche. Come gran parte delle specie botaniche importate dai Saraceni, il pistacchio divenne rapidamente una specialità di tutta la Sicilia. Ad oggi si contano ben tre importanti produzioni di pistacchio:

Tutte varietà assai rinomate ed apprezzate in cucina.

Bottarga di tonno.

Un ingrediente essenziale della ricetta ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno è ovviamente la bottarga sotto sale delle tonnare siciliane, ma questo non è l’unico prodotto pregiato che nell’isola si ricava dal tonno da centinaia d’anni.

La bottarga di tonno

La bottarga di tonno, definita come il caviale del Mediterraneo, è un prodotto di tonnara pregiatissimo che si ricava dalla salatura col prezioso sale marino, delle uova di tonno rosso del Mediterraneo. Ha un bel colore rosa brillante, con sfumature ambrate e un profumo inequivocabile di mare.

Il suo particolare gusto umami, oltre la pasta, può impreziosire anche le bruschette di uno sfizioso antipasto.

Pomodoro secco.

Il pomodoro essiccato è una tradizione siciliana più recente rispetto agli altri due ingredienti di cui ti ho parlato. Il pomodoro giunse nelle cucine italiane solo due secoli dopo la scoperta dell’America.

La Sicilia fu probabilmente la prima regione italiana che conobbe la pianta di pomodoro, grazie all’influenza spagnola sull’isola. Non è un caso che le ricette più antiche a base di pomodoro, come sughi e conserve, siano siciliane.

Nella cultura contadina siciliana fare i pomodori secchi è un atteso rito della stagione estiva, quando i pomodori maturi vengono raccolti e fatti essiccare sotto il potente sole del Sud.

Preparazione 18 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 28 minuti

Ruvidelli pistacchio e bottarga di tonno

di Biagio Barraco
La terra, il sole e il mare di Sicilia in un'esperienza emozionante tra gusto e affascinanti evocazioni.
5 da 2 voti

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Stampa ricetta
PortataPrimo piatto
DifficoltàBassa
Porzioni 4 persone
Calorie a porzione 608 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Attenzione agli allergeni presenti.

Istruzioni

  • Come prima cosa metti in ammollo con acqua tiepida i pomodori secchi, quindi sguscia pazientemente i pistacchi, mettili in un pentolino con dell'acqua calda ma non bollente. Lasciali in immersione un paio di minuti, quindi sfregali tra le dita per eliminare tutta la pellicina che li riveste. Questo passaggio è fondamentale per ottenere la giusta colorazione verde della salsa di pistacchio.
    350 gr pistacchi di Bronte DOP non sgusciati non tostati e non salati, 4 pomodoro secco al naturale
  • Sfrega i pistacchi tra le dita per eliminare tutta la pellicina che li riveste. Questo passaggio è fondamentale per ottenere la giusta colorazione verde della salsa di pistacchio.
    La salsa di pistacchio si ottiene passando nel mixer i pistacchi pelati insieme a 2 cucchiai d'olio. Alla fine salare e pepare a proprio piacimento.
    350 gr pistacchi di Bronte DOP non sgusciati non tostati e non salati, 4 cucchiai olio extravergine d’oliva, q.b. sale e pepe
  • Metti la pentola con l'acqua per la pasta sul fuoco e prepara la salsa piccante passando al mixer pomodoro secco, ben scolato e strizzato dall'ammollo, un peperoncino e 2 cucchiai d'olio. In fine aggiungi la paprika affumicata e mescola. Disponi la salsa a corona sui piatti di portata.
    4 pomodoro secco al naturale, 1 peperoncino, ½ cucchiaino paprika dolce affumicata, 4 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • Scola la pasta ben al dente e mescolala in pentola con la salsa di pistacchio fino a distribuirla omogeneamente.
    300 gr ruvidelli n.78 Poiatti
  • Impiatta disponendo la pasta al centro della corona di salsa piccante e cospargendola di una dose abbondante di bottarga grattugiata.
    60 gr bottarga di tonno

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.