Ricciola – caratteristiche, proprietà nutritive e Ricette.

La ricciola è un pesce dalle carni pregiate e saporite, che si presta a diverse preparazioni in cucina. La sua versatilità la rende un ingrediente ideale per antipasti, primi piatti, secondi piatti e secondi piatti.

La ricciola (Seriola Dumerilli) è un pesce di mare appartenente alla famiglia delle Carangidae. È il più grande pesce di questa famiglia e vive sia nel Mediterraneo che nell’Oceano Pacifico in prossimità dell’India e nell’Oceano Atlantico. Gran nuotatore, è un pesce d’alto mare, che ama i fondali profondi, anche se durante il periodo di riproduzione tende ad avvicinarsi alle coste.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

Foto testata di NOAA Photo Library – https://www.flickr.com/photos/noaaphotolib/26150911508/, CC BY 2.0,

Come riconoscere la ricciola – caratteristiche morfologiche

La ricciola si riconosce per la caratteristica colorazione argentea azzurra, una linea longitudinale di colore oro, coda forcuta e due pinne dorsali, la prima corta e la seconda lunga. Presenta una barra bruna obliqua che attraversa l’occhio.

Attenzione a non confonderla con il pesce persico (Perca fluviatilis), un pesce d’acqua dolce che spesso viene venduto come ricciola, o con la leccia (Lichia amia), un pesce predatore appartenente alla stessa famiglia, ma dalla forma meno allungata e con una pinna dorsale di forma triangolare. Può arrivare a pesare circa 30 Kg, ma mediamente il suo peso medio varia da 1 a 3 chili.

La ricciola la trovi in commercio tutto l’anno grazie agli esemplari allevati in acquacoltura. Quelli pescati in mare li trovi da maggio a ottobre, ma se vuoi fare un acquisto sostenibile, prediligi i mesi da agosto a febbraio.

caratteristiche organolettiche e proprietà nutritive.

Considerata la regina dei pesci azzurri, la ricciola è tra questi quello che ha carni consistenti dal sapore delicato, per questo motivo è un pesce apprezzato considerato pregiato.

Questo pesce è ricco di proprietà nutritive. Le sue carni, magre e digeribili, hanno un elevato quantitativo di fosforo e di potassio e sono ricche di grassi Omega3 e di vitamine A e D.

Valori nutrizionali

Energia (kcal) 113.00
Acqua (gr) 76.70
Proteine (gr) 20.00
Lipidi (gr) 3.64
Carboidrati (gr) 0.00
Omega-3 0.53
Colesterolo (mg) 44.00

Le informazioni fornite sulle proprietà benefiche dell'alimento descritto in questa pagina sono solo a scopo informativo e non sostituiscono il parere del medico. Per informazioni specifiche consulta un medico o un nutrizionista.

Ricciola al forno con aromi di stagione

La ricciola in cucina.

La ricciola è un pesce molto versatile in cucina, si presta per essere cucinata in tanti modi, non ha molte spine e le sue carni bianche e gustose hanno poche calorie. L’ideale è cucinarla al vapore o al forno, ma è ottima anche alla griglia, in umido, al cartoccio, e perfino cruda per sushi e sashimi, o servita come crudo marinato. Preparazioni quest’ultime per le quali è necessario sottoporre il pesce a un processo di abbattimento per evitare pericoli per la salute.

Particolari sulle norme igieniche.

È sempre bene consumare la ricciola dopo averla cucinata poiché il calore annienta infatti eventuali sostanze tossiche e altri elementi rischiosi per la salute, come per esempio l’Anisakis, un parassita molto diffuso.

È importante sapere che una normativa europea (Regolamento CE 853/2004, sulla «Vendita e somministrazione di preparazioni gastronomiche contenenti prodotti della pesca destinati a essere consumati crudi o praticamente crudi») obbliga chi vende o somministra pesce fresco a congelarlo a – 20 gradi per almeno 24 ore (abbattimento). Pertanto, prima di consumarlo crudo, è bene informarsi se sia stato effettuato il congelamento preventivo.

A casa puoi congelare la ricciola per almeno 96 ore a -18°C in un congelatore a tre o più stelle, prima di consumarla cruda.

Occhio alla temperatura al cuore.

A prescindere dal procedimento che utilizzerai per cuocere questo squisito pesce, per evitare che diventi stopposo è bene cuocerlo rispettando la temperatura al cuore.
Tempi di cottura e temperature del forno nelle ricette sono valori indicativi e se non si ha dimestichezza, avvalersi di un termometro da cucina per il forno è indispensabile. Per la ricciola così come per la cottura di molti pesci la temperatura al cuore ideale è compresa tra i 54 e 58°C.

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto