Purpiceddi murati – ricetta palermitana dei moscardini in umido

I polipetti in umido sono una ricetta tipica della gastronomia marinara del Meridione d’Italia, un piatto saporito e raffinato che si prepara con dei piccoli polpi, ideale per le cene autunnali, quando si sente il bisogno di qualcosa di caldo e confortante.

Purpiceddi murati – moscardini in umido
Vai alla Ricetta

La ricetta dei purpiceddi murati è tradizionale della cucina palermitana, ma questa pietanza è conosciuta e diffusa in tutta l’isola dove si prepara con piccole varianti. A seconda delle località la ricetta prende nomi diversi, ad esempio il piatto è conosciuto anche come purpiteddri affucati, sostanzialmente si tratta comunque di moscardini in umido.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

A Palermo la ricetta prende il nome di purpiceddi murati dove il termine “muratu” è riferito al modo di cuocere questa pietanza: i polipetti vengono posti in una pentola di coccio col coperchio ben chiuso che durante la cottura non viene rimosso.

Anticamente il coperchio veniva sigillato con dell’argilla (da qui il termine “murati”) e la pentola di terracotta veniva posta sulle braci di una cucina a legna per cuocere molto lentamente. Un procedimento simile che si può ottenere impiegando una pentola slow cooker, chissà magari la prossima volta ci proveremo.

LA CUCINA DI MONTALBANO

Con il nome di purpiteddri affucati la pietanza è citata tra le pagine de “Il cane di terracotta” di Camilleri, in uno dei momenti a tavola col commissario Montalbano.

Se sei un fan del famoso personaggio di Camilleri dai un’occhiata ai piatti di cucina più amati Salvo Montalbano!

Origini della ricetta.

La storia della ricetta dei “purpiceddi murati” è radicata nella tradizione culinaria popolare, che in Sicilia spesso fa largo uso di prodotti del mare. Essendo questa una cucina no-spreco, che sfrutta anche le risorse meno nobili, non sono poche le ricette che impiegano ingredienti poveri come nel caso di questa ricetta.

Quella dei purpiceddi murati era una volta una preparazione casalinga che si preparava tra la fine di agosto fino a tutto il mese di ottobre, periodo in cui erano disponibili i moscardini, dei piccoli polpi di sabbia, mentre i più pregiati polpi maiolini erano rari nel periodo e anche ben più costosi.

I moscardini, distinguibili dai maiolini per l’unica fila di ventose, anziché due, sono detti in dialetto “austini” in relazione al loro periodo di pesca. Ovviamente essendo un mollusco di valore minore, il moscardino in pescheria si trova, a un costo nettamente inferiore. Così è che con una spesa minima le massaie di una volta riuscivano a mettere in tavola un saporitissimo secondo piatto di mare dove l’intingolo era strategico per il consumo del pane anche non freschissimo, il che lo rendeva un piatto buono, economico e saziante.

A Palermo la ricetta prende il nome di purpiceddi murati dove il termine “muratu” è riferito al modo di cuocere questa pietanza. I polipetti vengono posti in una pentola di coccio col coperchio ben chiuso che durante la cottura non viene rimosso.

Consigliata per questa ricetta.

Pentola bombata in terracotta, Ø 20 cm, capacità 5 litri, 100% made in Italy ottima per cotture lente con lunghi tempi di preparazione, indicata per la preparazione di carni e verdure, ideale per il ragù.

I polpi e la cucina palermitana.

Abbiamo, in occasione del purpu vugghiutu, già parlato dell’importanza del polpo nella cucina palermitana.

Nella cucina palermitana i polpi Maiolini hanno un ruolo importante, semplicemente lessati e conditi a discrezione del cliente soltanto con una spruzzatina di limone, vengono venduti in strada come prodotto di pregio nei tanti chioschi di “purparu”. I polpi moscardini, di dimensione ben più piccola e di scarso valore commerciale, sono destinati ad essere “murati”, per una zuppetta casalinga gustosissima dove poter bagnare pane a volontà.

La ricetta contemporanea.

Oggi questo piatto si prepara tutto l’anno impiegando anche i polpi maiolini (con pezzatura non superiore ai 100 grammi) e in tanti ristoranti palermitani viene servito soprattutto come antipasto insieme a del pane bruscato. Rimane comunque un piatto di cucina popolare che a casa si può servire come secondo, oltre che come antipasto. Ottima anche la gustosissima zuppa, ottenuta cucinando questi piccoli polpi di piccola dimensione, impiegata anche per condire la pasta.

Preparazione 15 minuti
Cottura 50 minuti
Tempo totale 1 ora 5 minuti

Purpiceddi murati

di Biagio Barraco
Una ricetta palermitana molto semplice con cui preparare dei gustosissimi polipetti in umido.
5 da 7 voti

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Stampa ricetta
PortataAntipasto / Secondo piatto
DifficoltàBassa
Porzioni 4 persone
Calorie a porzione 370 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Attenzione agli allergeni presenti.

Ingredienti

Istruzioni

  • Dopo aver pulito per bene i moscardini, togliendo loro occhi e becco, lavali sotto acqua corrente e lasciali a scolare.
    In un tegame di coccio fai imbiondire in poco olio i cipollotti affettati molto sottilmente e l’aglio tritato. Aggiungi anche un po’ di peperoncino.
  • Aggiungi al soffritto i moscardini e lasciali rosolare, quindi sfuma con il vino bianco.
  • Quando l’alcol sarà completamente evaporato aggiungi la polpa di pomodori e giusto un pizzico di sale. Fai cuocere a fuoco lento con la pentola coperta per circa 35 minuti.
  • Poco prima di spegnere il fuoco cospargi di prezzemolo tritato, quindi servi i polipetti ancora caldi.

Conclusioni.

Preparare i “Purpiceddi Murati” in casa non è difficile anche se richiede tempo, ma vale la pena provare la ricetta perché il risultato non ti deluderà. Arricchirai la tua tavola con i sapori autentici del mare con un secondo di pesce che conquisterà tutti.

Porta a casa il calore della Sicilia con questa ricetta che celebra l’amore per il cibo e la cultura. Buon viaggio gastronomico nella cucina palermitana!

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto