Prosciutto di San Daniele: le materie prime impiegate per la produzione

Quali materie prime indispensabili per questo prodotto dell'eccellenza gastronomica italiana?

0
70

Il Prosciutto di San Daniele, simbolo dell’eccellenza gastronomica italiana nel mondo, è un alimento gourmet amato e apprezzato da tutti per il suo gusto unico e inconfondibile. Le caratteristiche che caratterizzano questo straordinario prosciutto sono dovute alla tradizione produttiva tramandata nei secoli dai mastri prosciuttai, che grazie all’utilizzo di soli tre ingredienti riescono a rendere il San Daniele la prelibatezza da tutti conosciuta.

Quali sono dunque i tre ingredienti che lo rendono un prodotto di alta qualità? Parliamo innanzitutto dello speciale microclima, nel quale è incastonato da sempre il borgo di San Daniele del Friuli – è solo e unicamente in questo luogo che avvengono le varie fasi del processo produttivo e quella principale della stagionatura -, del sale marino e naturalmente delle cosce di suino allevato in Italia.

Il microclima di San Daniele del Friuli.

L’irripetibile microclima di San Daniele del Friuli è un ingrediente invisibile agli occhi ma in grado di svolgere un lavoro di primaria importanza in relazione al processo produttivo. È proprio questo elemento a conferire al prosciutto il tipico e infondibile sapore, oltre alle sue qualità organolettiche. Siamo nel cuore del Friuli-Venezia Giulia, nella zona denominata Anfiteatro Morenico, dove avviene l’incontro tra le brezze tiepide e salmastre – che risalgono dall’Adriatico – con i venti freddi che scendono dalle Alpi Carniche. I prosciutti restano dunque esposti durante la fase di stagionatura a una ventilazione costante e leggera. Tutto questo avviene mentre il fiume Tagliamento funge da naturale elemento regolatore di umidità e temperatura. Ecco spiegato il motivo per cui le 31 aziende consorziate hanno la loro sede esclusivamente a San Daniele del Friuli.

Prosciutto di San Daniele

L’ingrediente principale: le cosce di suino allevato in Italia.

La materia prima utilizzata per la produzione del Prosciutto di San Daniele è rappresentata naturalmente dalle cosce di suino 100% italiane. Gli allevamenti sono dislocati in dieci regioni del nord e del centro Italia, come specificato nel Disciplinare di produzione: Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Abruzzo, Marche e Umbria. la filiera si compone di 3.641 allevamenti e 47 macelli: i suini allevati e selezionati per la produzione del Prosciutto di San Daniele provengono tutti da razze italiane. Ciascuna coscia è ottenuta da capi scelti di razza pesante Large White, Landrace e Duroc italiana. Restano dunque esclusi dall’inserimento nel ciclo produttivo i maiali che non appartengano a una di queste razze o non siano comunque idonei ai tipi genetici consentiti. La creazione di una banca dati del DNA dei suini garantisce un’ulteriore azione di controllo sulla filiera, con finalità antifrode e anticontraffazione del tipo genetico che concorre al prodotto finale e consente di certificare con la dovuta affidabilità l’uso di razze conformi.

Prosciutto di San Daniele

Ciascuna coscia deve rispettare uno standard di peso minimo di 12,5 chilogrammi e deve restare entro i 17,5 (con un rapporto di massa grassa e strato di grasso che dev’essere costante). Nella parte esterna della coscia fresca rifilata lo strato di grasso, misurato verticalmente in corrispondenza del femore, non deve essere mai inferiore a 15 millimetri, cotenna compresa, come specificato nel Disciplinare.

Il sale marino e le politiche sostenibili.

Altro ingrediente chiave è poi rappresentato dal sale, rigorosamente di tipo marino a secco. È 100% italiano e proveniente dall’area centro-meridionale del Belpaese. Le cosce selezionate e avviate al processo produttivo vengono cosparse di sale e messe a riposare per numero di giorni pari al peso della coscia. Il prosciutto può così rilasciare umidità e disidratarsi prima di passare alle fasi successive. Nel rispetto delle attività del Consorzio vi è l’impegno a destinare il sale esausto della lavorazione a impieghi di tipo alternativo come antighiaccio stradale o per industria conciaria.

Prosciutto di San Daniele

È proprio grazie all’eccellente qualità delle materie prime e alle rigide regole, che tutelano e mantengono viva la millenaria tradizione del Prosciutto di San Daniele, portando in tavola questa prelibatezza gastronomica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.