Peperoni ripieni alla palermitana detti pìpi attuppati

I peperoni ripieni sono un classico della cucina siciliana, eredità della cucina Araba dove diffusi sono i piatti a base di verdure ripiene. In tutta l'isola esistono diverse versioni con diversi tipi di ripieno da quello più semplice a base di pangrattato e acciughe a quello più complesso a base di carne.

I peperoni ripieni sono un classico della cucina siciliana, eredità della cucina Araba dove diffusi sono i piatti a base di verdure ripiene. In tutta l’isola esistono diverse versioni con diversi tipi di ripieno da quello più semplice a base di pangrattato e acciughe a quello più complesso a base di carne.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

Peperoni ripieni alla palermitana.

Quella dei Peperoni ripieni alla palermitana è una ricetta proveniente dal repertorio della cucina di nonna. Si tratta di una preparazione in uso nel palermitano dove è diffusa in diverse varianti ed è conosciuta come “pipi attuppatu”, un simbolo della cucina palermitana verace.

I pìpi attuppati palermitani sono detti così perché vengono ripieni e poi richiusi (attuppati) con il loro picciolo prima di essere infornati e cotti.

Tutte le varianti palermitane prevedono sostanzialmente una farcia costituita da un ricco ripieno di carne aromatizzato con spezie e aromi oltre all’immancabile passolina e pinoli.

Passolina o uvetta di Corinto.

Conosciuta come passolina, ha un sapore agrodolce caratteristico che caratterizza, in abbinamento ai pinoli, molti piatti della cucina palermitana. Non è sostituibile con nessun altro tipo di uva passa!

Il ripieno palermitano prevede insieme alla carne macinata una buona dose di “muddica”, ovvero pangrattato. Questo nella cucina povera e popolare era un ingrediente utile per sopperire alla quantità scarsa di carne e al tempo stesso permetteva di riciclare il pane raffermo.

Una curiosità.

Un ripieno di questo tipo è usato, nei paesi mediorientali per farcire ogni sorta di verdura. Viene chiamato “ripieno del Sultano” forse per la ricchezza degli ingredienti e per la presenza di carne e pinoli. Al contrario i ripieni di riso, o di grano spezzato (burgul) sono considerati più poveri e meno sontuosi.

Preparazione 15 minuti
Cottura 1 ora 15 minuti
Riposo 30 minuti
Tempo totale 2 ore

Pìpi attuppatu alla palermitana

di Biagio Barraco
I pìpi attuppati palermitani sono ripieni e richiusi con il loro picciolo …
5 da 12 voti

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Stampa ricetta
PortataAntipasto / Contorni / Secondo piatto
DifficoltàMedia
Porzioni 6 persone
Calorie a porzione 620 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Attenzione agli allergeni presenti.

Ingredienti

Istruzioni

Preparazione del ripieno

  • In una larga padella, con poco olio extravergine d'oliva, rosola la cipolla e la carota grattugiate, uno spicchio di aglio e un peperoncino sminuzzati.
    Quando il soffritto si sarà ammorbidito, aggiungi passolina e pinoli e mescola rapidamente.
  • Appena il soffritto diventa trasparente aggiungi la carne.
    Sgranala bene con una forchetta e attendi che schiarisca, quindi aggiungi un pizzico di sale, e la menta essiccata.
    Quando la carne è ben rosolata, sfuma con il vino.
  • Quando l'alcol sarà evaporato, aggiungi la passata di pomodoro e mescola.
  • Spegni la fiamma e aggiungi il pangrattato e il parmigiano. Mescola il tutto per bene, assaggia e aggiusta di sale se occorre.
  • Per ultimo aggiungi il cacio cavallo tagliato a dadini e le foglie di basilico tritate finemente.
    Mescola e amalgama bene gli ingredienti.

Farcitura e cottura dei peperoni

  • Prepara i peperoni togliendo loro il picciolo recidendolo con un coltello tutt'intorno all'attacco.
    Svuotali dai semi e dalle parti bianche. Una cosa importante è che durante queste operazioni i peperoni rimangano interi ed i peduncoli asportati integri. Lava i peperoni dentro e fuori e lasciali a scolare.
  • Riempi i peperoni con il condimento e pressalo leggermente, gli ortaggi devono essere ben imbottiti.
    Quando hai riempito i peperoni rimetti i piccioli che avevi tenuti da parte. Dovrai ricomporli come se fossero interi.
  • Metti i peperoni in una teglia capiente, cospargili con un po' di sale e poco olio d'oliva, quindi metti in forno ventilato a 180 °C e cuoci per 60 minuti.
  • Lascia riposare trenta minuti prima di tagliarli in due metà longitudinali e servili.

Note

  • Attenzione la passolina, non può assolutamente sostituirsi con l’uvetta sultanina, ma deve essere rigorosamente uvetta di Corinto: assomiglia ad un grano di pepe nero, il suo sapore è dolciastro e lievemente acidulo. In prevalenza viene coltivata in Sicilia e in Grecia.
 

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

7 commenti su “Peperoni ripieni alla palermitana detti pìpi attuppati”

  1. Vincenzo Pecoriello

    Ricetta molto simile a quella pugliese delle mie parti. C’è una variante che si prepara da noi, dove al posto della carne si utilizza un battuto di mollica di pane raffermo con aglio, pecorino, prezzemolo, pepe nero macinato, capperi e alici.5 stars

  2. Leggendo la ricetta è gli ingredienti si sentiva già il profumo d’oriente per casa. La proverò al più presto con l’uvetta di Corinto5 stars

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto