La pasta chi vruocculi arriminati è un primo piatto della cucina palermitana condito con una salsa a base di “vruocculi”. Con questo a Palermo s’intende il cavolfiore verde comune (cimone) e non i broccoli veri e propri. La pasta viene “arriminata”, cioè rimescolata in tegame per realizzare uno dei piatti più buoni in assoluto della cucina del Capoluogo siciliano.

Tempo di lettura: circa 1 min.


pasta chi vruocculi arriminati

Pur non avendo tra i “forestieri” la stessa notorietà della pasta con le sarde, quella chi vruocculi arriminati è un primo piatto di largo consumo a Palermo. Molto frequente nella cucina casalinga, tanto che, non appena a Settembre si vedono al mercato i primi cavolfiori, le massaie palermitane non vedono l’ora di preparare questo primo piatto gustosissimo e abbastanza semplice da realizzare.

Il condimento, reso cremoso dal cavolfiore continuamente rimescolato, è addolcito dall’immancabile presenza di passolina e pinoli e dalla cipolla. La sarda salata gli dona un bel contrasto sapido, mentre lo zafferano colora e profuma il piatto. Un insieme d’ingredienti per un esperienza visiva, olfattiva e gustativa sublime!

La pasta per eccellenza per questo piatto è il bucatino, ma anche il maccheroncino (un formato di pasta lunga reperibile solo al Sud). A parte questo elemento sicuro, la ricetta ha numerose varianti. C’è chi aggiunge del concentrato di pomodoro, chi la passa in forno, o la condisce con caciocavallo grattugiato, piuttosto che con un più tradizionale “formaggio dei poveri”: ‘a muddica atturrata (pangrattato tostato in olio d’oliva).


LA CUCINA DI MONTALBANO.

Anche la pasta con i vruocculi arriminati è una delle preparazioni culinarie tipiche siciliane menzionate nei famosi romanzi di Andrea Camilleri che hanno come protagonista il Commissario Montalbano. Precisamente questo piatto di pasta è ammuntuatu (come direbbe Camilleri) a pagina 51 del romanzo Il ladro di merendine.

Manco a dirlo, essendo questa una preparazione casalinga, la ricetta che ti descrivo qui proviene dal mio ricettario di casa. Se sei un fan del famoso personaggio di Camilleri ti invito a dare un’occhiata agli altri piatti di cucina amati da Salvo Montalbano!


Pasta chi vruocculi arriminati.

Biagio Barraco
Pur non avendo tra i "forestieri" la stessa notorietà della pasta con le sarde, quella chi vruocculi arriminati è un primo piatto di largo consumo a Palermo. Molto frequente nella cucina casalinga.
4.67 da 6 voti
Preparazione 15 min
Cottura 25 min
Tempo totale 40 min
Portata Primo piatto
Cucina Tradizionale Siciliana
Porzioni 4 persone
Calorie 716 kcal

Ingredienti
  

ingredienti per 4 persone:

Istruzioni
 

  • Monda il broccolo separando le cime e lavalo in acqua. Lascialo a bagno per 10 minuti. Metti in acqua passolini e pinoli e lasciai ammorbidire.
  • Lessa il broccolo in abbondante acqua salata per 10 minuti circa. Quando i broccoli saranno cotti scolali con una schiumarola e metti il brodo rimasto in pentola da parte.
  • In una larga padella soffriggi nell'olio un trito finissimo di cipolla con un pizzico di peperoncino. Fai cuocere a fuoco basso, non deve bruciare!
  • Non appena la cipolla diviene trasparente aggiungi le acciughe al soffritto.
  • A fuoco dolce, lascia sciogliere completamente le acciughe, quindi aggiungi passolini e pinoli, ben scolati dall'acqua in cui li hai tenuti precedentemente.
  • Lascia insaporire per un minuto sempre a fuoco dolce, quindi aggiungi i broccoli, alza la fiamma e soffriggili per bene.
  • Fai uno spazio al centro della padella e fai soffriggere lo zafferano per qualche istante. Mescola e lascia insaporire il broccolo per pochi secondi.
  • Aggiungi un mestolo di brodo del broccolo e lascia cuocere per 10 minuti. Aggiusta di sale, se necessario solo alla fine della cottura.
  • Terminata la salsa aggiungi al brodo di cottura dei broccoli dell’acqua e la curcuma, quindi portalo ad ebollizione per lessarvi la pasta.
  • Intanto che la pasta cuoce, in una piccola padella tosta la mollica con un po' d'olio e lo zucchero. Spegni appena imbrunisce.
  • Scola la pasta molto al dente e uniscila al condimento in padella, ma cerca di tenerne un po' di condimento da parte per la guarnizione. A fuoco bassissimo maneggia per 3 minuti.
  • Servi in porzioni individuali guarnendole con della salsa e una bella spolverata di "muddica atturrata".

Ulteriori informazioni.

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

3 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!





Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.