Palamita alla Mediterranea, in forno

Un secondo di pesce salva spesa a tutto sapore, un piatto di grande valore nutrizionale.

4
27490
Tempo di lettura: 1 minuti circa

La Palamita alla Mediterranea è un secondo piatto di mare molto saporito. Un pesce povero, ma di grande valore nutrizionale, che così preparato diventa davvero irresistibile.

Sulla Palamita.

La palamita è un pesce pelagico, che appartiene alla famiglia degli scombridae, cioè la stessa a cui appartengono il tonno alletterato ed il tombarello. Lo riconosci dal suo corpo di colore azzurro metallico e fusiforme e dalla testa a punta, inoltre ha pinne pettorali piccole e nella bocca piccoli denti conici impossibili da non notare. Sul dorso ha delle caratteristiche bande nere.

È un pesce che può raggiungere i 10 Kg di peso. Le sue carni saporite sono apprezzate in cucina dagli intenditori e nonostante il costo basso sono davvero pregevoli. Dal punto di vista salutare i valori nutrizionali della palamita sono interessantissimi. È un pesce ricco di vitamina A, fosforo e proteine. Come tutti i pesci azzurri è una buona fonte di grassi del tipo Omega-3.

Ricetta della Palamita alla Mediterranea.

La ricetta del pesce “alla mediterranea” ben si presta per cuocere i saporiti tranci o filetti di pesci azzurri di grandi dimensioni.

Così preparati, questo tipo di pesce è apprezzato anche da chi poco ama i sapori marini più decisi. Bastano un po’ di olive, dei capperi, dei pomodori maturi e un buon olio extravergine d’oliva per compiere il miracolo, per trasformare un “pesce povero” in un piatto da Re!

A filetti o a tranci, con questa ricetta si possono preparare tutti i pesci azzurri di grossa taglia come: Sgombro, Tombarello, Alalunga, Tonno, Ricciola, Sauro Imperiale, ma anche il pesce bianco come Branzino, Merluzzo, Persico e Orata. Questa ricetta non è solo un modo semplice e salutare per cuocere ogni genere di pesce, ma soprattutto una ricetta per piatti di pesce golosi e buonissimi!  Provala e vedrai.

Palamita alla mediterranea

di Biagio Barraco
4.81 da 21 voti
Un secondo di pesce salva spesa a tutto sapore, un piatto di grande valore nutrizionale.
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 20 minuti
Tempo totale: 35 minuti
Stagione
Difficoltà

€ 8,00
Allergeni:
Pesce e derivati


Porzioni: 4 persone
Calorie per porzione 444 kcal

Ingredienti

Istruzioni

  • Come prima cosa metti a dissalare i capperi in acqua fresca e ricava i filetti dai pesci se non l'hai fatto fare al tuo pescivendolo di fiducia. Lava bene i filetti sotto l'acqua corrente. e disponili in una pirofila con la parte della pelle verso l'alto. Cospargi il pesce di sale sul dorso. Gira i filetti dall'altro lato e cospargi ancora con del sale (ma meno questa volta).
  • Snocciola le olive e tagliale a rondelle grossolane, quindi scola i capperi dall'acqua e strizzali per bene. Condisci il pesce con 1 cucchiaio di olio e ricopri i filetti con la polpa di pomodoro.
  • Distribuisci sopra il pomodoro, prima la cipolla affettata e poi le olive e i capperi. Condisci con gli aromi e l'aglio e completa con ancora 1 cucchiaio di olio. Passa in forno preriscaldato a 180°C in modalità ventilata e lascia cuocere per 20 minuti.
    Servi la porzione individuale completa di guarnimento e intingolo.

Valori Nutrizionali

Serving: 220gCalorie: 444kcal (22%)Carboidrati: 2g (1%)Proteine: 44g (88%)Grassi Totali: 25g (38%)Grassi saturi: 8g (40%)Grassi polinsaturi: 7gGrassi monoinsaturi: 7gColesterolo: 140mg (47%)Sodio: 86mg (4%)Fibra: 2g (8%)

La Palamita (Sarda sarda).

La palamita è un pesce azzurro molto comune nel Mediterraneo, poiché è poco richiesta sul mercato, non è minacciata d’estinzione. È un pesce azzurro con poche spine, carni gustose e gradevolissime, apprezzabili, oltre che per la loro bontà, per i valori nutrizionali.

  • Calorie 177 Kcal per 100 g
  • Proteine 23 g per 100 g
  • Grassi 9,4 g per 100 g
  • Fosforo 260 Mg per 100 g

Si presta a svariate preparazioni dove può degnamente sostituire il tonno. Alla griglia, al forno, al cartoccio è ottimo anche crudo o appena scottato stile tataki, ma in questo caso deve essere “abbattuto” per scongiurare pericoli per la salute.

Altre ricette ...

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.