Orecchiette con salsiccia e cardoncelli.

I cardoncelli e la salsiccia sono l'accoppiata vincente di questo primo piatto appetitoso e facile da preparare. Il condimento preparato con questi due ingredienti bene si abbina con diversi tipi e formati di pasta.

La ricetta delle orecchiette con salsiccia e cardoncelli è un primo piatto gustosissimo adatto alla cucina dei mesi freddi dell’anno, benché funghi e salsiccia siano reperibili quasi tutto l’anno.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!
orecchiette cardoncelli

I cardoncelli e la salsiccia sono l’accoppiata vincente di questo primo piatto appetitoso e facile da preparare. Il condimento preparato con questi due ingredienti bene si abbina con diversi tipi e formati di pasta.

Cardoncello, una specialità regionale.

In Puglia e in Basilicata, dove questo fungo cresce ancora spontaneo tra le piante di Eryngium campestre, con questa salsa si condiscono alcuni particolari formati di pasta locali: capunti, cavatelli e orecchiette.

La ricetta delle orecchiette con salsiccia e cardoncelli, nonostante sia considerata una specialità tipica del territorio delle Murge apulo-lucane, è conosciuta un po’ in tutto il meridione della penisola, tanta è la fama e la diffusione di questo prelibato fungo.

Curiosità storiche.

Apprezzato fin dal Medioevo, il cardoncello, il cui nome scientifico è Pleurotus Eryngii, venne bandito dalle tavole del tempo, ad opera Sant’Uffizio. Questo fungo infatti aveva fama d’esser un potente afrodisiaco, alimento quindi non adatto ai Cristiani morigerati.

Diffusione e varietà.

Impossibile da confondere con qualsiasi fungo velenoso, il cardoncello è stato inserito nell’elenco nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali (PAT) per la regione Puglia. Questo però non è l’unico della specie di Pleurotus, funghi conosciuti per la straordinaria bontà.

Di G. Bresadola – Iconographia Mycologica vol. 6, tab. 286, Pubblico dominio, Collegamento

Ad esempio, in Sicilia, col nome di fungo di Ferula è conosciuta la varietà ferulae che cresce sulle piante di Ferula communis.

Sempre in Sicilia, della stessa specie è conosciuto il rinomato fungo di basilisco ovvero la varietà Nebrodensis, che cresce appunto sui Nebrodi attaccate alle piante di basilisco.

I cardoncelli sono funghi non solo eccellenti sotto il profilo organolettico, ma anche facili da coltivare in casa, basta acquistare dei panetti di substrato seguire le poche e semplici indicazioni e il gioco è fatto.

Istruzioni per la coltivazione qui.

Qualità e utilizzo del cardoncello in cucina.

Questo fungo di colore scuro, carnoso, sodo e dal sapore prelibato ha diversi motivi per essere apprezzato in cucina. Il suo profumo non è penetrante, i suoi aromi delicati non coprono il sapore degli altri ingredienti, anzi li valorizza. Altra qualità è la sua compattezza e consistenza che rimane anche dopo la cottura.

Adatto per essere consumato sia crudo che cotto, il cardoncello è ottimo arrosto, fritto, gratinato, o trifolato. Si associa molto bene sia con la carne che con il pesce.

Preparazione 15 minuti
Cottura 20 minuti
Tempo totale 35 minuti

Orecchiette con salsiccia e cardoncelli

di Biagio Barraco
I cardoncelli e la salsiccia sono l'accoppiata vincente di questo primo piatto appetitoso e facile da preparare.
5 da 1 voto

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Guarda il Video Stampa ricetta
PortataPrimo piatto
DifficoltàBassa
Porzioni 6 persone
Calorie a porzione 625 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Ingredienti

Istruzioni

Preparare gli ingredienti

  • Priva del budello la salsiccia incidendolo col coltello e tirandolo via.
  • Taglia in piccoli pezzi, la carota il sedano e i cipollotti dopo averli puliti per bene. Infine pela e schiaccia lo spicchio d'aglio.
  • Pulisci dalla eventuale presenza di terra i funghi semplicemente strofinandoli con un canovaccio appena inumidito. Se è troppo sporco di terra il gambo recidi la base con un coltello. Affetta i funghi non troppo sottilmente.

Preparazione del condimento

  • Metti l'olio a scaldare in padella con un po' di pepe e lo spicchio d'aglio. Quando sarà ben caldo aggiungi gli ortaggi tagliati in precedenza. Puoi sostituire il pepe colò peperoncino se ti piace.
  • Quando il soffritto si è appassito aggiungi la salsiccia sbriciolandola con le mani. Falla rosolare a fuoco vivace e spezza eventuali pezzi troppo grandi. Non appena è bene rosolata sfuma col vino.
  • Lascia evaporare l'alcol, abbassa la fiamma, elimina l'aglio e aggiungi i funghi in padella. Lasciali rosolare un po' e poi aggiungi un po' d'acqua.
  • Aggiungi la salsa di pomodoro, mescola e lascia cuocere a fuoco basso per 15 minuti finché il fondo non sarà ristretto. Intanto puoi preparare l'acqua per la pasta e lessarla.

Rifinire il piatto

  • Scola la pasta un minuto prima che sia completamente cotta, uniscila al condimento in padella e amalgama il tutto per bene. Ti consiglio di non scolare via completamente tutta l'acqua di cottura e di trasferire la pasta in padella un po' grondante di acqua.
  • Impiatta e spolvera con del pecorino grattugiato, se ti piace.

Video

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!