Luccio di mare o aluzzo con arancia e pistacchi

Un pesce poco conosciuto, dalle carni bianche e sode che si prestano per tante ricette.

0
260

Tempo di lettura: circa 1 min.


Il luccio di mare, o aluzzo, altrimenti noto anche come Barracuda del Mediterraneo, è un pesce che ho sempre amato per la consistenza e il sapore delle sue carni bianche. Il suo utilizzo in cucina però è ancora poco conosciuto. Infatti, se provi a fare una ricerca sul Web noterai che le ricette presenti su come cucinare questo pesce siano davvero poche.

Si tratta di un pesce bianco dal corpo cilindrico, affusolato che può raggiungere il metro di lunghezza. La bocca ampia è munita di denti acuti e affilati.

I lucci marini si nutrono di altri pesci come: latterini, sarde, boghe e altre specie. Si trovano in tutto il Mediterraneo dove si pescano occasionalmente con reti a strascico, tramagli, reti di circuizione. Abboccano anche alle lenze ferme e alle traine. La pesca occasionale è il motivo perché in pescheria il Luccio di mare puoi incontrarlo raramente.

Il luccio di mare, chiamato Aluzzo in dialetto palermitano, nonostante la sua rarità è un pesce considerato “povero”. Le sue carni sono poco apprezzate dalla clientela delle pescherie perché in realtà sono poco conosciute. Il vero peccato è che non si trova assiduamente al mercato perché è invece un pesce buonissimo.

La carne di questo pesce è magra e delicata, simile a quella del sarago, ma un po’ più saporita, eppure inspiegabilmente è un pesce poco richiesto. Insomma è un po’ come accade per il tombarello, pesce la cui carne è simile a quella del tonno rosso, ma anche questo è un pesce economico misteriosamente poco richiesto.

Se ti capita di vedere l’aluzzu in pescheria, il mio consiglio è quello di non lasciartelo scappare. Sebbene non sia difficile da sfilettare a casa, chiedi al tuo pescivendolo di farti dei filetti, per farli panati e arrostiti, oppure bolliti, oltre che con la mia ricetta ovviamente.

Aluzzo con arancia e pistacchi

di Biagio Barraco
5 da 1 voto
Un pesce poco conosciuto, dalle carni bianche e sode che si prestano per tante ricette.
Preparazione: 15 minuti
Cottura: 10 minuti
Tempo totale: 25 minuti

€ 10,00
Secondo piatto
facile

Porzioni: 4 persone

Ingredienti

Istruzioni

  • Stendi i filetti di pesce su una teglia di metallo rivestita con carta forno, poggiandoli dalla parte della pelle. Cospargi la parte superiore con un mix di pangrattato, foglioline di timo e granella di pistacchio . Bagna con un filo di olio e condisci con una spolverata di sale e pepe.
  • Prima di infornare, irrora il pesce con del succo di arancia condito con zucchero di canna.
    Metti in forno preriscaldato a 220°C per 10 minuti in modalità grill e lascia gratinare.
  • Non appena cotto e formatasi una bella crosticina, spegni il forno e impiatta.
Calorie: 320kcal
arancia, luccio di mare, pistacchio
Italiana, Mediterranea
Ti piace questa ricetta? Provala e condividi il risultatoMenziona @qdratatouille o tagga #quellidellaratatouille!

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.