Gli involtini alla palermitana che vi presento in questa pagina fanno parte del mio personale ricettario di famiglia, una trascrizione della ricetta che preparava la mia nonna. Una ricetta tradizionale e casalinga!

Tempo di lettura: circa 1 min.


Non so perché molti riportano come origine degli involtini alla palermitana il paese di Bagheria comune alle porte del Capoluogo, ma questa pietanza è diffusa in tutta la Sicilia in tantissime varianti.

Oltre che di vitello, nell’Isola si preparano anche involtini di pollo, o di maiale, farciti con i ripieni più svariati: di pomodoro e formaggio, di salumi e formaggi vari, oltre che con la classica farcitura di pangrattato.

La ricetta, paternità a parte, è certamente nata per sfruttare i tagli di carne meno pregiati e per utilizzare gli avanzi nel ripieno.

A Palermo gli involtini, o meglio gli spitini, così vengono chiamati nella mia città, si trovano già pronti in tutte le macellerie, anzi alcune di queste sono note proprio per questa specialità. Ciononostante ogni Palermitano che ama cucinare ha la sua personale ricetta per preparare gli involtini.


LA CUCINA DI MONTALBANO.

Gli involtini di carne, diffusi in tutta la Sicilia, non possono mancare tra quelle preparazioni culinarie tipiche siciliane menzionate nei famosi romanzi di Andrea Camilleri che hanno come protagonista il Commissario Montalbano. Precisamente questo piatto è ammuntuatu (come direbbe Camilleri) a pagina 116 del romanzo Il giro di boa.

 

Se sei un fan del famoso personaggio di Camilleri dai un’occhiata ai piatti di cucina più amati Salvo Montalbano!


Spitini a Palermitana.

Biagio Barraco
Spitini a Palermitana. Gustosi involtini di vitello con un ripieno tipico della cucina Palermitana. Una ricetta tradizionale della cucina siciliana per un piatto di sicuro successo.
4.72 da 14 voti
Preparazione 1 h
Cottura 20 min
Tempo totale 1 h 20 min
Portata Secondo piatto
Cucina Tradizionale Siciliana
Porzioni 4 persone
Calorie 650 kcal

Ingredienti
  

  • 16 piccole fettine di fesa o scamone di vitello tagliate molto sottili
  • 150 g pangrattato
  • 100 g pecorino stagionato
  • 18 g passolina
  • 12 g pinoli
  • 120 g tuma di pecora
  • 1/2 bicchiere vino bianco secco
  • 1/2 cucchiaio concentrato di pomodoro;
  • 75 ml olio extravergine d’oliva
  • 1 cipolla di media grandezza
  • 3 scalogni
  • 10 foglie alloro
  • q.b. sale e pepe

Istruzioni
 

  • Metti in ammollo la passolina e i pinoli per 10 minuti. Quindi sciacqua per bene e lascia ad asciugare. Trita lo scalogno molto finemente.
  • Taglia la cipolla a quarti per ricavarne dei pezzi abbastanza grandi. Lava e asciuga per bene le foglie di alloro. Taglia anche la tuma a piccole striscioline.
  • In una padella capiente con tre cucchiai d’olio d’oliva e un pizzico di sale, fai imbiondire appena lo scalogno. Poi aggiungi passolini e pinoli e scaldali insieme allo scalogno.
  • Sfuma con il vino ed appena questo è evaporato aggiungi il concentrato di pomodoro ed un cucchiaio di acqua. Lascia cuocere per 10 minui a fiamma bassa.
  • Spegni la fiamma e mentre è ancora caldo aggiungi il pangrattato e il formaggio grattugiato. Mescola bene in modo che vengano assorbiti i liquidi.
  • Una volta mescolati tutti gli ingredienti, con questa farcitura puoi preparare gli involtini. Mettine un po’ su ogni fettina di carne, metti un pezzetto di tuma sopra, quindi arrotola le fettine su se stesse, facendo attenzione a ripiegare bene i bordi laterali per contenere bene il ripieno.
  • Cospargi d’olio gli involtini e passali nel pangrattato, quindi Infilza gli involtini ottenuti in uno spiedino alternandoli con una foglia di alloro e un pezzo di cipolla. Gli involtini devono essere di piccole dimensioni, quindi 4 pezzi per spiedo ci stanno.
  • La panatura è necessaria per mantenere la carne morbida in caso di cottura al forno. In questo caso vanno cotti a 180°C in forno ventilato per venti minuti (non occorre girarli se li disponete su di una griglia).
  • Per la cottura sulle braci, non è necessaria la panatura. Prima di cuocerli, spolverali con un po’ di sale e pepe macinato e cospargili di olio da entrambe le parti. Occorrono 7 – 8 minuti per parte a fuoco vivace, ma non fortissimo.

Note

  • La cosidetta passolina, ovvero l’uvetta di Corinto, non può essere sostituita dall’uva sultanina.
  • Di questo piatto una versione”più leggera” prevede una farcitura di solo pangrattato tostato, olio, prosciutto cotto e tuma di pecora, quindi niente soffritto.
 

Ulteriori informazioni.

  • Questa ricetta prevede tra gli ingredienti alcune carni animali. Ricorda per un consumo sostenibile è preferibile mangiare meno carne, scegliendola tra quella la cui filiera è controllata e garantita e dove gli animali sono trattati con rispetto. Riduci il consumo settimanale di carne e acquistala responsabilmente. Pensa al tuo benessere e a quello del pianeta, mangia sano e difendi la natura!

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

4 Commenti

  1. La ricetta degli spiedini alla palermitana è superlativa!
    Già l’odore che si sprigiona in cucina mentre cuociono in forno mette appetito. Solo una volta,in un ristorante di Palermo, li avevo mangiati così buoni!
    Grazie di cuore Biagio se non ci fossi dovremmo inventarti!❤5 stars

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.