Insalata di mare alla siciliana

Dalla un piatto ... !

TAG>> , ,

L’insalata di mare alla siciliana è un antipasto di mare che prevede come ingredienti, oltre a diverse varietà di crostacei e molluschi, delle fettine di limone, olive, sedano e carote. Un piatto perfetto per il cenone di Natale o di Capodanno o per un elegante buffet.

Tempo di lettura: circa 2 min.


Tutti i ristoranti d’Italia che offrono un menù di pesce ai loro clienti servono questa classica pietanza della cucina tradizionale. Un piatto appetitoso che puoi gustare anche a casa tua preparandolo con le tue mani senza grandi difficoltà.

Nonostante ognuno di noi prepari l’insalata di mare in tanti modi, con salse e condimenti diversi e con gli ingredienti più svariati, questo è comunque un piatto semplice, dove c’è veramente poco da inventarsi. Semplice da fare, è solo un po’ lunga e noiosa la sua preparazione, tuttavia, se vuoi fare una vera insalata di mare, il rispetto di alcuni regole, è condizione indispensabile. Ti elenco di seguito quelle che per me sono i “canoni sacri” 🙂 per preparare un antipasto indimenticabile.

  • Si usano solo molluschi e crostacei freschi di qualità. Ciò significa no prodotti congelati (li puoi usare per altre cose, ma no per un insalata); no surimi, che è tutto tranne che pesce fresco; no tranci di pesce, perché non devi fare un risotto alla pescatora.
  • L’insalata di mare è un piatto dove conta il sapore naturale del prodotto ittico che deve essere distinguibile e non coperto da altri aromi e salse. Il condimento, rigorosamente “a crudo”, deve esaltare il gusto del pesce. Olio extravergine d’oliva, limoni, sedano e carote devono essere freschi e di prima qualità. Logicamente no verdure sottaceto.
  • Molluschi e crostacei vanno cotti singolarmente. Non cuocere tutto insieme perché, a seconda del tipo di ingrediente, devi adottare sistemi di cottura diversi.
  • Attenzione, molluschi e crostacei vanno conditi solo se ben raffreddati e scolati dell’acqua di cottura. È un errore un eventuale rilascio di liquidi nel condimento.
  • Va bene mettere per decorazione qualche cozza, o vongola, con tutto il guscio, o qualche crostaceo col suo carapace, ma la maggior parte di essi devono essere privati delle parti non commestibili. Via corazze, gusci, budellino dei crostacei e bisso delle cozze, altrimenti l’insalata sarà immangiabile!
  • Dopo la cottura, molluschi e crostacei devono rimanere integri e solidi. Non devono sbriciolarsi, una volta mescolati insieme tutti gli ingredienti. Quindi occhio alla cottura, non portarla troppo avanti!

Un ingrediente speciale per un insalata di mare speciale.

Detto questo, ti do la mia ricetta per preparare l’insalata di mare alla siciliana, che come ti ho detto già, presenta tra gli ingredienti anche alcune fettine di limone, delle olive verdi e nere, origano e timo. Quest’ultimo, sarebbe bene preferirlo nella varietà selvatica, chiamata in dialetto siciliano satarieddu.

Il Timo selvatico, ha un gradevolissimo sapore lievemente piccante che sposa alla perfezione con il limone e i frutti di mare. Questa pianta aromatica spontanea è diffusa sui litorali siciliani. Particolarmente aromatico è il timo selvatico che cresce in abbondanza sull’isola di Marettimo, e per tale motivo ha dato il nome (mare – timo) alla splendida isola delle Egadi.

Insalata di mare alla siciliana.

5 da 2 voti
Un antipasto di mare che prevede come ingredienti, oltre a diverse varietà di crostacei e molluschi, delle fettine di limone, olive, sedano e carote. Un piatto perfetto per il cenone di Natale o di Capodanno o per un elegante buffet.
Portata Antipasto
Cucina Tradizionale Siciliana
Keyword insalata di mare
Difficoltà facile
Preparazione 1 ora
Cottura 1 ora
Riposo 2 ore
Tempo totale 2 ore
Porzioni 6 persone
Calorie 162kcal
Cost € 45,00

Ingredienti

  • 1 polpo fresco (preferibilmente uno verace da 700 g)
  • 1 calamaro ( intero da 500 g)
  • 1 kg cozze (con tutto il guscio)
  • 1 kg vongole (con tutto il guscio)
  • 500 g gambero bianco (già sgusciato)
  • 500 g gambero rosso di Mazara (media pezzatura)
  • 6 scampi (media pezzatura)
  • 3 cucchiai olio extravergine d'oliva
  • 1 cucchiaino aceto di vino bianco
  • 3 limoni bio
  • 1 carota
  • 3 coste sedano (comprese le foglie verdi)
  • 1 spicchio aglio
  • 100 g olive verdi
  • 100 g olive nere
  • 1 cucchiaino origano essiccato
  • 1 cucchiaino timo selvatico essiccato
  • q.b. sale e pepe

Istruzioni

  • Come prima cosa metti le cozze e le vongole a spurgare in due contenitori separati colmi di acqua salata. Pulisci i calamari, eliminando occhi, bocca e le interiora, e ricordati di eliminare il budellino con uno stuzzicadenti di scampi e gamberoni (in quelli bianchi puoi farlo più facilmente dopo la cottura).
  • Intanto che i molluschi bivalvi spurgano dovrai occuparti della pulizia e della cottura del polpo. Per fare questa operazione ti consiglio di seguire la mia ricetta del polpo bollito alla palermitana. L'unica differenza con quella ricetta è che dovrai vuotare e sciacquare bene la testa del cefalopode dopo che questo è cotto.
  • Intanto che il polpo cuoce puoi occuparti dei gamberi, degli scampi e dei calamari. Per questi ti consiglio una cottura a vapore per lasciare intatto il loro sapore di mare. Comincia con i gamberi, sistemali nel cestello della vaporiera e cuocili per 4 – 5 minuti non di più. Una volta cotti mettili da parte a raffreddare.
  • Adesso continua con i gamberi rossi e gli scampi con lo stesso criterio e modalità dei gamberi bianchi. Anche questi vanno messi da parte e lasciati raffreddare.
  • Per ultimo, aggiungi qualche foglia di sedano nel cestello e procedi con la cottura dei calamari. Ti consiglio di tagliarli a pezzetti per facilitare la cottura al vapore. Una volta terminata la loro cottura, mettili da parte a raffreddare.
  • Intanto il polpo sarà cotto, una volta lasciato raffreddare un po', taglialo a pezzetti e mettili d parte, quindi sciacqua le cozze e le vongole. Batti quest'ultime per verificare che non vi sia sabbia al loro interno. Quindi fai aprire i molluschi separatamente seguendo le indicazioni della ricetta dell'impepata di cozze. Logicamente devi omettere l'aggiunta di prezzemolo e limone alla fine indicati in quella ricetta.
    Una volta cotti lascia i molluschi a raffreddare e poi elimina i gusci. Lascia col guscio solo alcuni pezzi "più belli", con i quali decorare il piatto.
  • Una volta che i crostacei e i molluschi saranno freddi e ben scolati mescolali delicatamente con la carota e il sedano tagliati a piccoli pezzi, le olive (preferibilmente denocciolate), 1 limone a fette, l'origano, il timo, l'olio, l'aceto e il succo di 2 limoni. Mescola e aggiungi dopo sale e pepe a tuo piacere.
    Lascia riposare in frigo per due ore prima di servire.
Pin it! Commenta questa ricetta e non dimenticarti di votare!

Ricetta aggiornata il 2019-11-28 20:35:33

Beviamoci su …

  • Le cozze sono un prodotto ittico molto versatile e tante sono le ricette che riguardano questo mollusco bivalve. Altre ricette con le cozze puoi vederle qui!

Post originale scritto il2019-11-28 20:35:27 da ….

Biagio Barraco

Arredatore e blogger con la passione per la cucina.

Siciliano, estroverso, creativo, ironico e curioso, amo la cucina tradizionale e casalinga, ma mi piace anche sperimentare la cucina di altre culture. Conosciamoci meglio!

Ho notato che hai visitato più volte questa pagina e voglio ringraziarti per l'interesse dimostrato. A proposito, che ne pensi dare un voto a questa ricetta? Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

Licenza di utilizzo, diritti di proprietà dei contenuti di questo blog e divieti di utilizzo.

è espressamente fatto divieto di:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.