Il Gratin Dauphinois è un vero gioiello della gastronomia francese. Questa ricetta tipica dell’antica provincia del Delfinato, è tanto semplice quanto sorprendente da farti esclamare già al primo assaggio: non ho mai mangiato patate così buone!

Tempo di lettura: circa 2 min.


Gratin Dauphinois

Origini del Gratin Dauphinois.

Il piatto è originario dell’antica regione del Delfinato situata nel sud-est della Francia e oggi corrispondente ai quattro dipartimenti di Isère, Drôme, Hautes-Alpes e parte del Rodano. L’origine del Gratin Dauphinois probabilmente è legata alla diffusione della coltura della patata in Europa dopo la seconda metà del ‘500, ma il piatto è mensionato, così come lo conosciamo oggi, il 7 giugno 1788 uno dei giorni che segnarono l’inizio della Rivoluzione francese. Il duca di Clermont-Tonnerre, tenente generale e il comandante in capo del Delfinato, ritirò le truppe contro gli insorti per evitare un massacro. Il duca per l’occasione offrì un pasto agli ufficiali dove fu servito il Gratin Dauphinois.

Come tutte le ricette tradizionali trovare una sola versione del Gratin Dauphinois è molto difficile. Anche in Francia, ogni famiglia lo prepara in maniera personale. Questa ricetta l’ho avuta da un mio amico che abita in Provenza dove le dosi di aglio sono più importanti e la presenza del timo è uno standard.

Consigli.

Questa ricetta vegetariana di origine francese è naturalmente senza glutine. Richiede una cottura lunga e lenta in modo che le patate vengano “candite” alla perfezione. Si tratta dell’unica accortezza necessaria per quella che è in definitiva una ricetta semplice.

Il gratin può essere preparato il giorno prima e scaldato venti minuti prima di servirlo a 80 °C. Dopo aver riposato tutta la notte, i suoi sapori si saranno fusi al punto da renderlo più delizioso al momento della degustazione.

Nonostante la ricetta originale del Gratin Dauphinois non prevede l’impiego di formaggio, io l’ho messo per ottenere un risultato ancora più delizioso, dopotutto questa variante al formaggio è tollerata anche Oltralpe. Fai attenzione alle patate, quelli che devi impiegare non devono essere né troppo gialle né troppo sode. La presenza di amido contribuisce alla resa del piatto.

Pensato come contorno, ad esempio è ideale per accompagnare il boeuf bourguignon, questo piatto può diventare un secondo piatto appagante, ma attento a non diventarne dipendente, il Gratin Dauphinois non è ipocalorico! 🙂

Gratin dauphinois

Biagio Barraco
Una ricetta tipica dell'antica provincia del Delfinato, un gioiello della gastronomia francese.
5 da 3 voti
Preparazione 20 min
Cottura 1 h
Tempo totale 1 h 20 min
Portata Contorno
Cucina Francese
Porzioni 4 porzioni
Calorie 510 kcal

Ingredienti
  

Istruzioni
 

  • Prima di preparare le patate, scalda il forno impostando una temperatura di 180°C.
  • Pela le patate e immergili in acqua fredda, Sbuccia l'aglio e taglialo a metà per rimuovi il germe al suo interno. Trita finemente uno dei due spicchi e mettilo da parte. Strofina l'altro spicchio d'aglio sui lati e sul fondo della pirofila che utilizzerai per il gratin, quindi schiaccialo e tieni anche questo da parte. Scola le patate, asciugale accuratamente e tagliale a fette sottili circa 3 mm. Non passare le fette di patate sott'acqua una volta tagliate, perché ciò eliminerebbe parte dell'amido necessario per ottenere la consistenza cremosa del piatto.
  • Versa il latte in un tegame, aggiungi l’aglio schiacciato, il sale, il pepe e una bella grattata di noce moscata quindi porta a ebollizione. Versa le patate nel latte bollente e cuocile per una decina di minuti a fuoco lento facendo attenzione che non si attacchino sul fondo.
  • Imburra la pirofila che hai sfregato prima con l'aglio e disponi le fette di patate senza sgrondarle dal latte. Anzi aggiungi qualche cucchiaio del fondo di cottura mentre imposti le fette sovrapponendole per un terzo fra loro. Completa lo strato solo e metti sopra dei pezzettini di burro e il trito d'aglio.
  • Versa sopra le patate la panna da cucina, condisci con un po' di pepe, il timo e il parmigiano grattugiato. Abbassa la temperatura del forno a 150 °C e inforna per almeno 45 minuti, massimo un’ora finché non sarà ben dorato. Controlla la cottura piantando i rebbi di una forchetta nel gratin: devono affondare senza alcuna resistenza.
  • Fai intiepidire il gratin leggermente prima di servirlo.

Ulteriori informazioni.

Grazie per aver visitato il mio blog. Che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? 

Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!





Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.