Gnocco fritto emiliano

Uno gnocco fritto, gonfio e dorato da farcire con formaggi e affettati. non c'è di meglio!

Post simili a questo

Tortino di frittata con fiori di zucca

Con i fiori di zucca anche la ricetta più...

Risotto con le fragole e profumo di limone

Un popolare raffinato primo piatto, perfetto per chi ama gli abbinamenti inconsueti.

Insalata d’autunno

Un insalata d'autunno, com'è fatta? Basta quello che hai acquistato al mercato in questa stagione dove la natura si veste con colori caldi e rilassanti e profuma di terra. Con gli ingredienti di stagione si può preparare rapidamente un piatto che è un iniezione vitale per il nostro corpo.

Orecchiette zucchine e pesto

Una ricetta velocissima e golosa perfetta per i giorni afosi della stagione calda.

Ultimi articoli

Condividi

Lo gnocco fritto è un piatto tipico emiliano, una pasta lievitata, di varie forme (rettangolare, a rombo o circolare) e dall’inconfondibile colore dorato dovuto dalla frittura. Una pietanza che tradizionalmente accompagna i pregiati salumi della regione.

gnocco fritto

Origine e storia dello gnocco fritto.

Le origini dello gnocco fritto sono da ricercarsi nella tradizione culinaria dei Longobardi che conquistarono le terre della regione emiliana, dopo la caduta dell’Impero Romano.

Nelle prime versioni lo gnocco fritto non era altro che un sostituto del pane che si preparava con ingredienti semplici: farina, acqua, sale e strutto, questo usato sia nell’impasto che nella frittura. Pare che l’utilizzo di grassi animali nelle pietanze sia una eredità della cucina dei popoli celti che lo impiegavano copiosamente.

Nel corso dei secoli, la ricetta si è diffusa in tutto il territorio emiliano diventando l’alimento base della cucina contadina che sfruttava la grande disponibilità di strutto nei mesi invernali a seguito della macellazione del maiale.

Una ricetta tante versioni.

In Emilia Romagna la ricetta dello gnocco fritto esiste con alcune variazioni da paese a paese, vediamo quelle principali.

Gnocco fritto modenese.

Quella dello gnocco fritto è la variante diffusa nelle province di Modena e di Reggio Emilia. Questa è quella che ha ottenuto il riconoscimento di “prodotto agroalimentare tradizionale” (PAT). La sua ricetta prevede l’uso d’ingredienti semplicissimi: farina, sale, ma niente lievito, solo acqua gassata, e soprattutto niente olio per la frittura, ma strutto, grazie al quale lo gnocco prende proprio un altro sapore.

Crescentina bolognese.

Nel bolognese, lo gnocco fritto è anche conosciuto come crescentina fritta. A differenza dello gnocco modenese questa variante prevede l’impiego di lievito, olio extravergine e latte intero.

Torta fritta di Parma.

É nel territorio parmense che questa specialità assume il nome di torta fritta. Il motivo di questo nome risiede nelle abitudini locali di una volta, quando lo gnocco, spolverato con lo zucchero, veniva servito a fine pasto. Considerato inizialmente una sorta di dolce, col tempo la torta fritta cominciò a essere degustata in abbinamento a salumi e formaggi. Gli ingredienti di questa versione prevedono farina, olio, sale, lievito, acqua e strutto solo per la frittura.

Pinzino ferrarese.

A Ferrara gli gnocchi fritti sono chiamati pinzini. Questi simili all’impasto della torta fritta, originariamente avevano forma di un piccolo cerchio la cui superficie era bucherellata con i rebbi della forchetta.

Chisolino piacentino.

Nella bassa piacentina, lo gnocco fritto è chiamato in dialetto locale chisulén, italianizzato in chisolino. Si tratta di un prodotto della cucina povera appartenente al patrimonio gastronomico di Fiorenzuola, tanto da essere anche valorizzato con il marchio De.Co. della città. L’impasto, realizzato con farina, acqua, lievito e strutto, una volta spianato viene tagliato in forme diverse (a grissino, o a losanghe) prima di essere fritto nello strutto.

Di Jessica Spengler from Brighton, United Kingdom – Torta fritta and salumi, CC BY 2.0

Abbinamenti ideali.

Qualunque sia la ricetta e il nome che ogni località gli dà, si tratta sempre di uno gnocco gonfio e dorato da farcire con formaggi e affettati. L’abbinamento ideale sono i prodotti locali di salumeria, come: la Mortadella di Bologna IGP, il Culatello di Zibello, i ciccioli, o la coppa piacentina, ma anche formaggi teneri tipo squacquerone e stracchino.

Un buon lambrusco completa questa magia gastronomica!

Gnocco fritto emiliano

5 from 3 votes
Recipe by Biagio Barraco Course: Antipasti e spuntiniCuisine: Cucina EmilianaDifficulty: Facile
Porzioni

100

Pezzi
Preparazione

40

minutes
Cottura

25

minutes
Calories

35

kcal
Lievitazione

24

hours 
Tempo totale

25

hours 

5

minutes

Uno gnocco fritto, gonfio e dorato da farcire con formaggi e affettati. non c’è di meglio!

Cook Mode

Tieni sempre acceso lo schermo del tuo dispositivo mentre cucini

Ingredienti

  • 600 g 600 farina Manitoba

  • 400 g 400 farina 00

  • 400 ml 400 acqua

  • 2 cucchiaini 2 lievito di birra disidratato

  • 120 g 120 strutto

  • 12 g 12 sale

  • q.b. olio o strutto per friggere

Utensili necessari

Preparazione

  • Prima di tutto miscela le due farine setacciandole per bene, quindi prepara una pastella mescolando insieme 1/10 della miscela di farine, pari quantità di acqua (100 g di farina – 100 g acqua), il lievito e lo zucchero.
    Fai lievitare a temperatura ambiente (28 °C) la pastella ottenuta posta in un contenitore coperto da una pellicola alimentare. Ci vorrà circa un’ora perché la pasta raddoppi di volume formandosi tante bollicine in superficie.
  • Aggiungi successivamente il resto delle farine e l’acqua, quindi impasta fino a far assorbire tutti i liquidi. Se l’impasto risultasse troppo duro, o c’è ancora della farina asciutta nella ciotola, aggiungi ancora un po’ di acqua fino ad ottenere un impasto compatto e omogeneo.
  • A questo punto aggiungi lo strutto ammorbidito poco alla volta. Aspetta che venga assorbito il primo pezzetto e poi aggiungine un altro.
    L’impasto si presenterà alla fine liscio e morbido. Solo alla fine aggiungi il sale e impasta ancora un po’.
  • Forma una palla con l’impasto quindi coprila con una pellicola alimentare e lasciala lievitare in frigorifero per 24 ore. Al termine della lievitazione l’impasto sarà triplicato di volume. Prima di formare gli gnocchi lascia l’impasto poi a temperatura ambiente per almeno due ore.
  • Stendi l’impasto con un mattarello spolverando con un pizzico di farina sopra e sotto e forma un rettangolo spesso circa 3 mm. Taglia da questo delle strisce di 5 cm di larghezza e quindi affettatele obliquamente in modo da ricavarne dei rombi.
  • Scalda in una padella a bordi alti lo strutto necessario per la frittura e quando arriva a una temperatura compresa tra i 175 e i 180 °C, immergi pochi pezzi alla volta (non più di due, o tre) aspetta che si gonfino e girali una sola volta. In un minuto lo gnocco è pronto per essere scolato su carta assorbente e servito con una spolverata di sale, o accompagnati con salumi e formaggi.

Note

  • Fai attenzione se il grasso per la frittura diventa troppo bollente, lo gnocco si scurisce. Al contrario se troppo è troppo freddo lo gnocco si inzuppa di unto divenendo pesante.
  • Se non riesci a consumare tutto l’impasto degli gnocchi, puoi congelarlo e utilizzarlo in seguito scongelandolo e portandolo a temperatura prima di spianarlo.

Hai provato questa ricetta?

Tagga @qdratatouille su Instagram e usa l’hashtag #qdratatouille

Ti piace questa ricetta?

Segui il nostro Pinterest @qdratatouille

Unisciti al nostro gruppo Facebook!

Follow us on Facebook

Grazie per aver visitato questo blog, che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

Le ricette più commentate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti