Funghi trifolati al vino bianco: una magia per i funghi meno saporiti.

Un classico contorno autunnale che si prepara in pochi minuti. Questa variante della tradizionale ricetta piemontese è perfetta per dare una marcia in più ai funghi meno saporiti soprattutto quelli coltivati.

I funghi trifolati al vino bianco sono una gustosa variante alla tradizionale ricetta della cucina piemontese, un piatto gustoso, facile e veloce da preparare. La preparazione dei funghi trifolati è diffusa in tutta Italia e con questa si realizza un contorno che può accompagnare pietanze di ogni tipo, ma anche una preparazione versatile con cui preparare tantissime altre ricette: per farcire torte salate, gâteau, pizze ecc…

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!

Secondo la ricetta tradizionale “trifolare i funghi” significa cuocerli in padella con olio, aglio e prezzemolo, dopo averli a fette sottili alla maniera del tartufo. Si tratta di un modo, ormai diffuso e consolidato in tutta Italia, per cucinare funghi di ogni tipo: porcini, chiodini, pioppareli, ecc …

Attenzione però, la ricetta che stai per leggere non è adatta per cuocere i funghi più pregiati, o quelli dal sapore deciso, per i quali è bene avvalersi della ricetta classica. Al contrario questa è perfetta per insaporire i funghi coltivati, e in generale quelli dal gusto meno deciso. Noi abbiamo usato questa ricetta con successo con i pleurotus e gli champignon, ma anche con quelli dal gusto delicato ed elegante, come i cardoncelli.

Funghi Trifolati Al Vino Bianco

La ricetta è molto semplice, ma per realizzarla alla perfezione segui i nostri consigli:

  • Utilizzare funghi freschi di qualità, sodi al tatto e privi di ammaccature e muffe;
  • pulire accuratamente i funghi senza bagnarli con acqua;
  • la cottura deve essere breve per otterrete funghi saporiti integri e carnosi.
  • Se i funghi rilasciano molta acqua durante la cottura, prolungare la cottura di qualche minuto per farla evaporare completamente.
  • Per un tocco in più, aggiungere un pizzico di timo o di rosmarino alla fine della cottura.
Preparazione 10 minuti
Cottura 6 minuti
Tempo totale 16 minuti

Funghi trifolati al vino bianco

di Biagio Barraco
Un classico contorno autunnale che si prepara in pochi minuti. Questa variante della tradizionale ricetta piemontese è perfetta per dare una marcia in più ai funghi meno saporiti soprattutto quelli coltivati.
5 da 1 voto

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Stampa ricetta
PortataContorni
DifficoltàBassa
Porzioni 4 persone
Calorie a porzione 75 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Ingredienti

Istruzioni

  • Pulisci i funghi tagliando via la parte del gambo sporco di terriccio ed elimina eventuali tracce di lo sporco con un panno umido.
    Affetta i funghi puliti con un coltello lasciandoli integri e non troppo sottili, mettili in una boulle e spruzzali col succo di limone, quindi mescolali.
    Metti in padella l’olio con l’aglio il rosmarino, i gambi del prezzemolo e il peperoncino. Rimuovi l’aglio, i gambi del prezzemolo e il rosmarino quando saranno imbionditi. Aggiungi i funghi in padella lasciali cuocere per 2 minuti avendo cura di girarli.
  • Spruzza con il vino bianco, alza la fiamma e lascia evaporare l’alcol, quindi aggiungi un pizzico di sale. Abbassa la fiamma e lascia cuocere per 2 minuti fino a quando il fondo non si sarà asciugato.
    Quando saranno cotti spegni la fiamma e aggiungere abbondante prezzemolo tritato fine.

Note

Non lavare i funghi sotto l’acqua corrente! Questi sono come spugne e lavandoli con acqua tendono ad assorbirla per poi rilasciarla in cottura, compromettendo la buona riuscita del piatto.
E’ molto importante che i funghi cuociano senza coperchio, poiché questo tende e creare acqua in padella. Il segreto per avere funghi trifolati perfetti è una cottura breve, i funghi devono risultare carnosi, chiari e non appassiti e scuri.

Conclusioni.

I funghi trifolati al vino bianco sono un piatto semplice e versatile che può essere gustato in diversi modi. Sono un contorno ideale per secondi piatti di carne o pesce, ma possono anche essere serviti come antipasto o come secondo piatto vegano.

Buon Appetito!

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto