Filetto – carni bovine

Post simili a questo

Champagne – gli abbinamenti con la cucina italiana.

Stappare uno Champagne è un gesto che richiama lieti...

Mambo Cecotec, un robot da cucina per tutti

Il Mambo Cecotec è un robot multifunzione che permette di automatizzare molte delle operazioni che in cucina richiedono la presenza costante del cuoco. Preparare un risotto, una crema, o un sugo diventa semplicissimo con questi apparecchi, ma il loro impiego corretto necessita l’apprendimento di un modo diverso di cucinare.

Pesci alternativi al tonno rosso del Mediterraneo

Pur essendo il tonno rosso, sotto il profilo gastronomico e nutrizionale, un alimento d’eccezione, a causa della sua pesca eccessiva andrebbe consumato con moderazione, magari puntando anche su alcune valide alternative che purtroppo si tende a trascurare.

Consigli per una cucina senza glutine

Sono sempre più numerose le persone che soffrono di celiachia. Anche se in famiglia non ci sono problemi d'intolleranza al glutine, ti può capitare di avere a qualche ospite celiaco alla tua tavola. In questi casi conoscere come preparare dei piatti che non contengano glutine è fondamentale.

Ultimi articoli

Condividi

Il filetto è considerato il taglio di carne bovina più pregiato e per questo è tra i tagli più costosi.

Posizionato sotto la lombata, nella parte posteriore, è un muscolo stretto e lungo che percorre tutta la colonna vertebrale fino a raggiungere la coscia. Si tratta di un taglio succoso e molto tenero perché proviene da un’area anatomica priva di nervi e dalla muscolatura poco sviluppata.

Il pregio e il costo di questo taglio, sono dovuti non solo alla sua eccezionale tenerezza, ma anche alla scarsa quantità presente in ogni animale macellato. Da un singolo animale di 400 Kg si ricavano due filetti del peso 2 – 3 Kg ciascuno.

Il filetto può essere di manzo, vitello o vitellone. Ha sapore più deciso nel manzo, mentre più tenero è il filetto di vitello.

Utilizzi gastronomici.

Anche il filetto come la lombata è un taglio di carne adatta per essere cucinata alla brace. Permette una cottura rapida e lasciato intero può trasformarsi in un succulento arrosto. La sua carne magra, tenerissima e priva di nervi, è ideale per bistecche o tagliate da cuocere oltre che sulla griglia, in padella servite con salse ed intingoli, ma anche cruda.

Se non viene cotto intero, il filetto generalmente si divide in tre parti riferite come testa, cuore e coda.

La testa è la a sezione più grande che generalmente viene tagliata a fettine sottili per un carpaccio o a tocchetti per realizzare dei bocconcini da saltare in padella. Il cuore invece ha una sezione cilindrica più regolare adatta per essere tagliata a fette spesse circa 3 cm e cotta leggermente all’esterno in modo da conservare inalterata la sua tenerezza. Spesso i medaglioni ricavati dal cuore di filetto vengono insaporiti da salse come quella al pepe verde, o con tartufo e foie gras nel caso del famoso filetto alla Rossini.

La coda, la parte più piccola ed irregolare, viene tagliata a tocchetti per ottenere dei filetti mignon, da cuocere allo stesso modo dei medaglioni, oppure si possono ricavare dei bocconcini per farne ottimi sauté o da impiegare nella famosa Bourguignonne, o ancora, può essere macinata per delle tartare.

Denominazioni regionali.

Conosciuto come tenderloin negli USA e in UK, filet in Francia e Germania, solomillo in Spagna, lomo in Argentina e file mignon in Brasile, questa è l’unica parte del bovino conosciuta con lo stesso nome in tutte le regioni d’Italia.

Ricette presenti nel blog.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti