Fanfari fritti con salsa di aceto e senape

Quello della frittura è solo uno dei metodi più diffusi per cuocere questi curiosi pesci, ottimi e da consumare freschissimi.

I fanfari fritti è uno dei piatti della cucina di pesce di estrazione popolare del Sud Italia, capace di sfruttare specie ittiche meno note e pregiate, ma dal grande valore nutrizionale. Quello della frittura è solo uno dei metodi più diffusi per cuocere questi curiosi pesci da consumare freschissimi.

Questo post contiene link di affiliazione Amazon. Quando acquisti un prodotto utilizzando i link in qualità di Affiliato Amazon ricevo un guadagno dagli acquisti idonei. Ciò contribuisce al mantenimento di questo blog senza costare nulla in più per te. Grazie in anticipo!
Fanfari fritti

Il pesce pilota, più noto al Sud col nome dialettale di fanfaro o ‘nfanfaru è un pesce azzurro dal prezzo assai modico e di altissimo valore nutrizionale. Presente in tante ricette di cucina siciliana, le sue carni molto serrate e dal sapore deciso vanno consumate subito perché deperiscono facilmente e non sono congelabili. Come gli altri pesci azzurri, contiene vitamine, sali minerali e grassi Omega3.

Il pesce è riconoscibile per il corpo fusiforme ricoperto di piccole squame, testa ovale con muso arrotondato e mandibola leggermente sporgente. Inoltre sua colorazione è molto caratteristica: il corpo è azzurrastro cosparso di strisce trasversali bianche e blu-nero. Il periodo più ricco per la sua pesca va da agosto a dicembre.

La mia ricetta dei fanfari fritti è solo una variante della classica frittura di pesce passata in aceto e che si vede spesso impiegata per la cottura di pesci dal sapore forte e caratteristico. Il famoso “bagnetto d’aceto” qui è insaporito con una spezia che ne enfatizza il sapore pungente.

Preparazione 10 minuti
Cottura 1 ora 10 minuti
Tempo totale 1 ora 20 minuti

Fanfari fritti con aceto e senape

di Biagio Barraco
Un pesce poco pregiato può essere il protagonista di un piatto delizioso.
5 da 1 voto

Vota anche tu questa ricetta!

Commenta! Pin Ricetta Stampa ricetta
PortataSecondo piatto
DifficoltàBassa
Porzioni 4 persone
Calorie a porzione 420 kcal

I dati sono forniti al solo scopo informativo e non sostituiscono la consultazione di un medico o di un professionista qualificato. In particolare: il dato delle calorie non è da ritenersi un consiglio alimentare o nutrizionale, i valori indicati sono puramente indicativi; si prega di consultare le etichette degli alimenti per informazioni su allergeni e intolleranze.

Attenzione agli allergeni presenti.

Ingredienti

Istruzioni

  • Fai preparare al tuo pescivendolo di fiducia i pesci divisi a metà nel senso della lunghezza (come nella foto).
  • Metti in un pentolino l'aceto, il vino bianco, il pepe, i chiodi di garofano e la senape. Lascia scaldare e insaporire per 30 minuti cioè fin quando non si riduce di un terzo.
  • Filtra il liquido e aggiungi lo zucchero. Lascia sobbollire per altri 15 minuti, quindi metti da parte e lascia raffreddare.
  • Lava per bene i fanfari, salali e infarinali per bene poco prima di friggerli in olio ben caldo. Fai attenzione che non bruci.
  • Servi il pesce accompagnato dalla salsa d'aceto preparata in precedenza.

Avviso ai lettori.

Se ti è piaciuto questo articolo e ritieni il nostro blog interessante, aiutaci a mantenerlo con una piccola donazione. La nostra unica forza sono i lettori come te. Il tuo sostegno è importante per noi, effettua qui una donazione con paypal!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vota questa ricetta!




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna in alto