Crostata di marmellata tradizionale

Dalla !

TAG>> , ,

La crostata di marmellata è il dolce casalingo più semplice e più preparato al mondo, per tutte le massaie e gli appassionati di cucina è uno dei comfort food più facile da preparare.

Crostata di marmellata tradizionale

Tempo di lettura: circa 1 min.


La crostata di marmellata è perfetta per colazioni e merende, ma anche l’ideale per essere integrata come dolce da buffet.

Con la ricetta che leggerai otterrai una crostata friabile e deliziosa grazie all’aggiunta dl Vino Marsala nell’impasto. Per farcirla un classico è la confettura di amarene, quella che ho utilizzato è ottima perché fatta in casa, ma puoi utilizzare una qualsiasi confettura anche di altri gusti.

Crostata di marmellata tradizionale

Un dolce che può essere rinnovato nella forma con decorazioni di ogni tipo, ma la sostanza rimane sempre quella di un delizioso dolce familiare!

Crostata di marmellata tradizionale

5 da 1 voto
Il dolce casalingo più semplice e più preparato al mondo, per tutte le massaie e gli appassionati di cucina è uno dei comfort food più facile da preparare.
Portata Dolce
Cucina Italiana
Keyword crostata
Difficoltà facile
Preparazione 20 minuti
Cottura 25 minuti
Attesa 2 ore
Tempo totale 2 ore 45 minuti
Porzioni 6 persone
Calorie 210kcal
Cost € 8,00

Ingredienti

  • 260 g di farina 00
  • 30 g amido di mais
  • 2 tuorli uova
  • 120 g burro
  • 100 g zucchero
  • 1 cucchiaino sale
  • 1 cucchiaino lievito per dolci
  • 1 cucchiaio vino liquoroso (un Marsala è perfetto)
  • 300 g marmellata (quella di amarene è un classico.)

Istruzioni

  • Metti nella planetaria, attrezzata con la “foglia”, il burro ammorbidito e tagliato a piccoli pezzi. Aggiungi lo zucchero e aziona la planetaria alla velocità più bassa in modo che il burro possa assorbirlo.
  • Arresta la planetaria e aggiungi il tuorlo e il vino. Sciogli per bene il sale in un cucchiaio d’acqua e aggiungi anche quello nella planetaria, quindi azionala nuovamente a bassa velocità.
  • Setaccia la farina e mescolala insieme all’amido di mais e al lievito e versa la miscela in planetaria, quindi aziona nuovamente la planetaria sempre a bassa velocità solo fino a quando il burro avrà incorporato tutta la farina. Puoi fare una prova maneggiando un pezzetto d’impasto: se le mani restano pulite l’impasto è pronto!
  • Rovescia l’impasto su un piano di lavoro e modellalo a forma di una palla e avvolgila nella pellicola trasparente alimentare. Riponi l’impasto in frigo per almeno un paio d’ore.
  • Togliete la pellicola e su un piano infarinato stendi 2/3 dell’impasto fino ad ottenere uno spessore di circa 3 mm. Con questa fodera uno stampo per crostate di 24 cm di diametro, imburrato e infarinato. Rivesti bene i bordi facendo sbordare eventualmente la pasta fuori dalla teglia. Ritaglia i bordi in eccesso e aggiungi l’eccesso all’impasto messo da parte.
  • Bucherella la base della crostata con una forchetta e spalma la marmellata per ricoprire uniformemente tutta la superficie.
  • Stendi la pasta frolla rimasta per ricavarne le decorazioni preferite (strisce, fiori cuori, stelle, ecc…) da tagliare con appositi taglia pasta. Non dimenticare di rifinire anche il bordo esterno della crostata.
  • Cuoci la crostata in forno statico a 180°C per 25 minuti, tenendo sempre sott’occhio la parte superiore della crostata per controllare che non bruci. Consigliato con forni casalinghi posizionare una pallina di carta stagnola tra la bocca della camera del forno e lo sportello, per lasciare uno sfiato e simulare la “cottura a valvola aperta”.
  • Una volta terminata la cottura della crostata, lasciala intiepidire e, poco prima di servirla, spolvera la sua superficie con zucchero a velo.
Pin it! Commenta questa ricetta e non dimenticarti di votare!

Ricetta aggiornata il 2019-12-20 20:16:13

Beviamoci su …

Post originale scritto il2019-12-20 20:16:08 da ….

Biagio Barraco

Arredatore e blogger con la passione per la cucina.

Siciliano, estroverso, creativo, ironico e curioso, amo la cucina tradizionale e casalinga, ma mi piace anche sperimentare la cucina di altre culture. Conosciamoci meglio!

Ho notato che hai visitato più volte questa pagina e voglio ringraziarti per l'interesse dimostrato. A proposito, che ne pensi dare un voto a questa ricetta? Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

Licenza di utilizzo, diritti di proprietà dei contenuti di questo blog e divieti di utilizzo.

è espressamente fatto divieto di:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.