Confettura di mele cotogne

Post simili a questo

Tenpura o tempura di pesce e verdure

La tenpura è un piatto che si presenta semplice, ma di grande effetto.

Pappardelle con salsiccia noci e datteri

Un accostamento di ingredienti insolito per realizzare un primo piatto davvero goloso.

Sfincionello palermitano (versione street food)

Lo sfincionello palermitano potrebbe essere definito la "versione street food" del classico sfincione casalingo di cui ho pubblicato la ricetta un po' di tempo fa. Una preparazione monoporzione divenuta il Re dei cibi da passeggio del capoluogo siciliano.

Spiedini di gamberi e scamorza

Un secondo di pesce molto invitante che in porzioni ridotte può diventare uno sfizioso antipasto finger food.

Ultimi articoli

Condividi

La confettura di mele cotogne è una vera prelibatezza. Questa oltre a poter essere utilizzata per farcire i dolci, si può impiegare per accompagnare formaggi erborinati e alcuni piatti di carne.

confettura di mele cotogne

L’uso della confettura di mele cotogne per insaporire le carni grasse, di maiale, cinghiale, pollame e selvaggina, risale al Medioevo, ma la coltivazione del cotogno, pianta della famiglia delle Rosacee, è una delle più antiche conosciute.

Originaria del Medio Oriente, la pianta è assai diffusa nei paesi del Mediterraneo. In Sicilia, le mele cotogne, oltre che per preparare le confetture, si utilizzano per fare la cotognata.

Caratteristica delle mele cotogne.

Le mele cotogne sono un frutto tipico della stagione autunnale (matura verso ottobre) dal sapore gradevolmente acidulo.

Il loro aspetto, schiacciato e con la buccia dura ricoperta da peluria, non la rendono attraente rispetto ad altre varietà di mele. Però le cotogne sono dei frutti particolarmente adatti alla preparazione di deliziose confetture.

Confettura di mele cotogne o cotognata?

Le mele cotogne hanno la particolarità di cambiare completamente sapore e colore dopo la cottura. Questa può avvenire con aggiunta di zucchero o senza.

Nel primo caso si ottiene una confettura di mele cotogne. La cottura senza zucchero e parte del procedimento per realizzare la cotognata. Un prodotto tipico siciliano, che si distingue dalla confettura, oltre che per la preparazione, per il suo aspetto più denso e caratterizzato dalla presenza di pezzi di mela sodi.

Marmellata o confettura?

Spesso confondiamo la marmellata con la confettura pensando, erroneamente, che queste due parole siano dei sinonimi. In realtà, si tratta di due cose, benché simili, ben distinti.

La Comunità Europea stabilisce che la marmellata è un prodotto a base di zuccheri e polpa, succo, purea, estratti acquosi e scorza esclusivamente di agrumi. Gli altri frutti sono classificati come confetture. Entrambi hanno diciplinari sulle quantità e sulle qualità impiegate diverse.

Ma torniamo alla nostra confettura di mele cotogne: il segreto per ottenerne una buona e deliziosa è quello di scegliere dei frutti molto maturi. Se ti piacciono i sapori intensi e speziati puoi aromatizzare la confettura con delle spezie. Ad esempio, interessanti sono le aromatizzazioni con chiodi di garofano, oppure con lo zenzero, e ancora la cannella, con la quale la mela cotogna si abbina alla perfezione.

Confettura di mele cotogne

Biagio Barraco
La confettura di mele cotogne è una vera prelibatezza da poter impiegare per farcire i dolci e per accompagnare formaggi erborinati, o alcuni piatti di carne.

4.50 da 2 voti
Preparazione 15 minuti
Cottura 35 minuti
Sterilizzazione 1 ora
Tempo totale 1 ora 50 minuti
PREPARAZIONE Facile
Ingredienti per700 g circa
Conserve e liquori

Ingredienti

Istruzioni

  • Lava le mele accuratamente rimuovendo la peluria con uno spazzolino, quindi tagliale in quarti ed .elimina il torsolo, poi riducile a cubetti. Intanto che li tagli dovrai passarli in bagno di acqua acidulata col succo del limone. Scola le mele, quindi passale in casseruola
  • Metti lo zucchero insieme alle mele e fai cuocere a fiamma bassa per 30 minuti circa (il tempo esatto dipende dalla durezza delle mele) rimestando di tanto in tanto.
  • L'acqua di vegetazione rilasciata dalle mele, unendosi allo zucchero formerà uno sciroppo che farà la cottura ed impedirà alle mele di attaccarsi al fondo del tegame.
    Non dimenticare di aggiungere la cannella (se scegli di usarla) negli ultimi dieci minuti di cottura.
  • Terminata la cottura, le mele andranno passate alla legumiera. La purea ottenuta, insieme allo sciroppo, vanno adesso travasati, ancora caldi, nei barattoli (da 250 g) precedentemente sterilizzati.
  • Batti i barattoli su un piano per farsì che l'aria fuoriesca del tutto. Metti il coperchio ai barattoli e lascia freddare il tutto. Quindi provvedi ad ulteriore sterilizzazione immergendo i barattoli in acqua fino a 4 cm sopra il loro tappo e facendo bollire piano a fuoco costante per 20 minuti.
  • Lascia raffreddare i barattoli nella stessa pentola che contiene l'acqua, quindi asciuga e riponi in dispensa.
    Il consumo ottimale è consigliato dopo 10 giorni di riposo.

Note

Conservazione.

La confettura di mele cotogne si conserva per circa 3 mesi, purché il sottovuoto sia stato fatto correttamente e i barattoli siano conservati bene, cioè in un luogo fresco e asciutto, al riparo da fonti di luce e calore.
Una volta aperto il barattolo, va conservata in frigorifero e consumata entro i 3-4 giorni e non di più. Etichettare i barattolini con la data di produzione è sotto questo punto di vista estremamente utile.

Valori Nutrizionali

Calorie: 120kcal
Keyword marmellate e confetture
Ti è piaciuta questa ricetta?Dai un voto e scrivi nei commenti cosa ne pensi!

Attenzione ai rischi per la salute!

Fare le conserve non è cosa difficile, ma è questa un'operazione estremamente delicata. Se non segui scrupolosamente le norme igieniche necessarie un barattolo può essere molto pericoloso! Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa è necessario rispettare le linee guida indicate dal Ministero della Salute, un elenco di regole d'igiene della cucina, della persona e degli strumenti utilizzati, da conoscere bene.

Grazie per aver visitato questo blog, che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

Articolo precedente
Articolo successivo

Le ricette più commentate

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Vota questa ricetta!




Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti