Angus Irish stew

Un ottimo stufato della tradizione irlandese, ideale per le fredde sere invernali.

Post simili a questo

Spaghetti aglio e limone.

Il primo piatto perfetto per i pranzi estivi. Semplice, velocissimo da preparare e stuzzicante, l'ideale dopo una mattinata trascorsa al mare. Tuttavia la semplicità e la rapidità di preparazione non deve ingannarci, spesso la bontà si nasconde proprio dietro la semplicità.

Guinness Stew – stufato di manzo alla Guinness

Lo stufato di manzo alla Guinness, o Guinness Stew, è una variante del tradizionale Irish Stew, una delle ricette più conosciute della cucina irlandese. Questo delizioso comfort food, ideale per la tavola dei mesi più freddi dell’anno, è caratterizzato dalla presenza della birra stout che porta il nome del noto filantropo dublinese Arthur Guinness.

Hamburger vegano con ceci, melanzane e pistacchi

Un piatto perfetto per i grandi che seguono una dieta vegana e per i più piccoli che come è noto, non amano mangiare le verdure.

Pesci alternativi al tonno rosso del Mediterraneo

Pur essendo il tonno rosso, sotto il profilo gastronomico e nutrizionale, un alimento d’eccezione, a causa della sua pesca eccessiva andrebbe consumato con moderazione, magari puntando anche su alcune valide alternative che purtroppo si tende a trascurare.

Ultimi articoli

Condividi

L’irish stew è uno stufato della tradizione culinaria irlandese che si prepara con carne di agnello o di montone, ma anche con carne di manzo irlandese, il famoso Angus. Un piatto gustoso e profumato con la tipica birra irlandese che viene servito insieme a delle patate lesse soprattutto durante la festa di San Patrizio.

Angus irish stew

La carne indipendentemente dalla tipologia usata, deve risultare tenerissima. Per questo deve essere cotta lungamente nel suo brodo insaporito con verdure e aromi che variano a seconda delle tantissime versioni esistenti.

Angus Irish stew

La caratteristica che accomuna tutte le versioni dell’irish stew è la cremosità del sughetto e la morbidezza della carne. Nella mia versione di irish stew a base di Angus irlandese, per raggiungere questo risultato ho impiegato la slow cooker per cuocere un pezzo di chuck roll (la parte a ridosso del collo). Per farlo ho modificato la ricetta tradizionale che già avevo provato utilizzando una più tradizionale pentola in ghisa smaltata.

Il risultato, grazie alla cottura di 12 ore in modalità slow, è stato davvero eccellente. Perfettamente paragonabile a quello ottenuto con il metodo tradizionale, rispetto al quale non hai l’onere di sorvegliare la cottura di tanto in tanto.

Riguardo all’angus irlandese.

L’Angus (Aberdeen Angus) è un bovino originario della Scozia. Da quella terra la razza è stata esportata in tutto il mondo diventando una delle razze bovine più allevate del pianeta.

La carne di questo bovino di statura piccola senza corna, si caratterizza per essere ricca di grasso che al momento della cottura si scioglie rendendo la carne morbida, molto saporita e dolce. Una bontà riconducibile all’allevamento completamente naturale dell’animale. In particolare l’Angus irlandese viene lasciato pascolare liberamente negli ambienti incontaminati del territorio e nutrito con la sola erba da pascolo.


Sai cosa è una Slow cooker?

Quando conviene utilizzarla, cosa puoi cucinare, quali sono i suoi principali vantaggi e perché dovresti averne una a casa? Leggi della mia esperienza con questo strumento di cottura e dei consigli su quale è meglio acquistare.


Angus Irish stew

5 from 1 vote
Recipe by Biagio Barraco Course: Secondi piattiCuisine: Cucina IrlandeseDifficulty: Facile
Porzioni

6

servings
Preparazione

20

minutes
Cottura

12

hours 

40

minutes
Calories

664

kcal
Tempo totale

13

hours 
Cook Mode

Tieni sempre acceso lo schermo del tuo dispositivo mentre cucini

Ingredienti

  • 1 Kg 1 Chuck Roll di Angus irlandese

  • 40 g 40 burro

  • 2 cucchiai 2 olio extra vergine d’oliva

  • 280 g 280 sedano

  • 350 g 350 carote

  • 200 g 200 porro

  • 30 g 30 radice di zenzero

  • 500 g 500 cipolle bianche

  • 5 spicchi 5 aglio

  • 75 cl 75 birra

  • 45 g 45 farina di grano saraceno

  • 1 cucchiaio 1 doppio concentrato di pomodoro

  • 800 g 800 patate bianche

  • q.b. sale e pepe nero

Utensili necessari

Preparazione

  • In una padella capiente scalda l’olio e lascia sciogliere il burro, quindi rosola nel grasso il porro affettato a rondelle, la cipolla anch’essa affettata, la radice di zenzero, mondata e tagliata a fette sottilissime, e la carota tagliata a tocchetti.
    Aggiungi sale e pepe e quando le verdure si saranno ammorbidite trasferiscile nella slow cooker in modo da ricoprirne totalmente il fondo.
  • Taglia la carne a cubi piuttosto grandi, salali appena e passali nella farina di grano saraceno. Rosola i cubetti di carne nell’unto rimasto in padella, quindi trasferisci anche questi nella slow cooker adagiandoli sul letto di verdure.
  • Deglassa il fondo della padella con la birra, aggiungi il concentrato di pomodoro e lascia cuocere per dieci minuti. Alla fine copri con il sughetto che si è formato la carne che si trova nella slow cooker.
  • Cuoci la carne per 12 ore in modalità slow. Prepara le patate cuocendole a vapore in modo di averle disponibili già fredde al termine della cottura della carne. Per averle ben morbide ho impiegato 20 minuti con il Mambo 9590.
  • Alla fine del processo di cottura togli la carne dalla pentola insieme alle verdure che sono rimaste integre, quindi passa con un frullino a immersione il fondo rimasto fino a ridurlo a una salsa vellutata.
  • Servi lo spezzatino insieme alla sua salsa, le verdure e le patate cotte a vapore.

Hai provato questa ricetta?

Tagga @qdratatouille su Instagram e usa l’hashtag #qdratatouille

Ti piace questa ricetta?

Segui il nostro Pinterest @qdratatouille

Unisciti al nostro gruppo Facebook!

Follow us on Facebook

Grazie per aver visitato questo blog, che ne pensi dare un voto alla ricetta che hai appena letto? Farlo è molto semplice basta cliccare sulle stelline che trovi nella scheda della ricetta, oppure dentro i commenti in fondo alla pagina. Usali pure per esprimere un giudizio su quello che hai letto, oppure per chiedere maggiori dettagli sulla ricetta.

Articolo precedente
Articolo successivo

Le ricette più commentate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Commenti recenti